Carlo Goldoni
Gli innamorati

ATTO SECONDO

Scena Dodicesima. Flamminia, Eugenia e Fulgenzio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Flamminia, Eugenia e Fulgenzio

 

FUL. E di quali casi intende di dire?

FLA. Chi lo sa, gli badate voi? Noi non ci pensiamo nemmeno. Eugenia non lo può vedere.

FUL. Così credo ancor io.

FLA. Caro signor Fulgenzio, siete assai sospettoso.

EUG. Non parlate, sorella, ché or ora lo farete dar nelle furie.

FUL. Oh, non vi è dubbio. Non vi è pericolo che mi vediate infuriare. Ho preso un altro sistema, son diventato pacifico. Non mi riscaldo più.

FLA. Via dunque; siate buono. Mia sorella, poverina, credetelo, vi ama di vero cuore. Io l'ho veduta piangere...

EUG. Non le credete. Lo dice a posta. (a Fulgenzio)

FLA A che servono ora codeste scene? Io non le voglio assolutamente. Vado di , perché il signor Conte non dica. (Sorella, abbiate giudizio!).(piano ad Eugenia) (Abbiate carità, signor Fulgenzio).(piano a Fulgenzio) Ah poveri innamorati! (a tutti e due, e parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License