Carlo Goldoni
Gli innamorati

ATTO SECONDO

Scena Quindicesima. Eugenia, Clorinda, e Fulgenzio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quindicesima. Eugenia, Clorinda, e Fulgenzio

 

CLO. Scusate, signora Eugenia, se son venuta a recarvi incomodo. Il signor Fabrizio, a forza di buone grazie, mi ha, posso dir, violentata.

EUG. Infatti, senza una violenza non si potevano sperar queste buone grazie.

FUL. (Oh cieli! prevedo qualche nuovo disastro). (da sé)

CLO. Voi mi mortificate, signora. Sapete che ho per voi quella stima e quel rispetto che meritate; ma dacché partì mio marito, non sono uscita di casa.

EUG. Né anche la sera?

CLO. Ah sì, una sera con mio cognato; ve l'ha egli detto?

EUG. Oh, non mi ha detto niente. Egli non mi usa simili confidenze.

CLO. Male, signor cognato; quando si ama, si dice tutto.

EUG. Che ha il signor Fulgenzio, che è ammutolito?

FUL. Niente, signora. (Cielo, aiutami). (da sé)

EUG. Fa così in casa, signora Clorinda?

CLO. No, per dirla; è piùttosto gioviale.

EUG. Sì, non è accigliato, se non quando viene da me. Qui è dove gli si promove la malinconia.

FUL. Signora, non potere dire che sia stato sempre così.

EUG. È vero, è da poco tempo; da che vi sono diventata noiosa.

CLO. Eppure mi parla sempre di voi con un amore grandissimo. (ad Eugenia)

EUG. Gioca in casa il signor Fulgenzio? (a Clorinda)

CLO. Sì, qualche volta.

EUG. E da me grida, bestemmia; tira fuori i coltelli. (Dove è andato quel maladetto coltello, che glielo voglio rendere or ora). (mostra di cercar il coltello)

CLO. (Perché le fate di queste scene?) (piano a Fulgenzio)

FUL. Perché, perché... ora non posso parlare. (guardandosi da Eugenia)

EUG. Che cosa sono questi segreti? Se avete dei segreti, non avete tempo di comunicarveli in casa? Anche qui venite a fare ci ci? Questo è un volere provocare la mia sofferenza. (parte)

CLO. Che vuol dire questo discorso? (a Fulgenzio)

FUL. Eh, sia maladetto quando siete venuta qui. (corre dietro ad Eugenia)

CLO. Che modo è questo? Mio cognato mi perde il rispetto? Che Eugenia sia gelosa di me? Sarebbe un insulto troppo grave al decoro mio. Fortuna che non è lontano l'arrivo di mio consorte. Che fo? resto, o men vado? La prudenza insegna dissimulare. Saprò farlo col padrone di questa casa, ma non con quell' di mio cognato. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License