Carlo Goldoni
Gli innamorati

ATTO TERZO

Scena Tredicesima. Flamminia, Lisetta e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Tredicesima. Flamminia, Lisetta e detti

 

FLA. Che cos'è?

LIS. Cos'è stato?

FUL. Soccorretela.

FLA. Sorella.

LIS. Signora padrona. (l'alzano e la rimettono sulla sedia)

FUL. Ah! se non mi amasse... Ma oh cieli! potrebbe fingere? È perché fingere, se non mi amasse?

LIS. Via, via, è rinvenuta.

FLA. Ah, sorella mia, ve l'ho detto. Siete nemica di voi medesima.

EUG. Deh lasciate ch'io mora.

FUL. Ah no, vivete; il cielo mi vuol infelice. Pazienza. Vi amerò da lontano, benché mia non sarete.

FLA. E perché non ha da esser vostra? (a Fulgenzio)

FUL. Perché ad altri si abbandonò per vendetta.

FLA. Volete dire, perché ha dato parola al conte Roberto? (a Fulgenzio)

FUL. Ah sì, fortunatissimo Conte.

FLA Fortunato voi vi potete chiamare, che aveste me in aiuto; fortunata Eugenia, che ha una sorella che l'ama. Il Conte fu da me illuminato. Seppe che lo faceva per astio, per capriccio, per disperazione. Non è sì pazzo a volersi nutrire una serpe nel seno; e lascia in libertà la fanciulla.

EUG. Oimè, dite il vero? (alzandosi con tenerezza a Flamminia)

FLA. Così è, sorella, Fulgenzio è vostro.

EUG. No, che non sarà mio.

FUL. Perché no, crudele?

EUG. Perché non lo merito.

FUL. Lo conoscete il torto che mi faceste?

FLA. Via, non parlate altro. (a Fulgenzio)

EUG. Lasciatelo dir, che ha ragione. (a Flamminia, con tenerezza)

FUL. Abbandonarmi per così poco! (ad Eugenia)

FLA. Ma via, dico. (a Fulgenzio)

EUG. Sì, insultatemi, che mi si conviene. Conosco l'amor grande che per me avete; so di non meritarlo. Usatemi carità, se vi aggrada; siatemi rigoroso, se il vostro cuor lo comporta; in ogni guisa mi duole d'avervi offeso, e vi domando perdono.

FUL. Ah non più, idolo mio!

EUG. Sì, perdonatemi.

FLA. O che sian benedetti!

LIS. Mi fanno piangere.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License