Carlo Goldoni
L'amante di sé medesimo

ATTO QUINTO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO QUINTO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Camera.

 

Il Conte ed il signor Alberto.

 

ALB.

Amigo, v'ho da dar una nova bellissima.

CON.

Anch'io ne ho qualcheduna.

ALB.

Ma la mia xe freschissima.

Gh'è la marchesa Ippolita, che proprio la se impizza.

CON.

Arde per me di sdegno?

ALB.

Oibò; la xe novizza.

CON.

Sposa di chi?

ALB.

M'impegno, no indiviné in t'un mese.

La sarà quanto prima muggier de sior Marchese.

CON.

Del marchese Fernando?

ALB.

De lu; negozio fatto.

CON.

Vi sarà stato in prima fra lor qualche contratto.

ALB.

Cussì digo anca mi, qua no ghe xe risposta.

CON.

E il marchese Fernando sarà venuto apposta,

Col pretesto del feudo e dei ministri suoi.

Ecco, signor Alberto, quel che san far gli eroi.

Egli pur per amore, oppur per interesse,

Mostrò le istesse brame, le debolezze istesse.

Ora più non mi dica, che sconsigliato io fui,

Ch'alfin son di qualch'anno più giovane di lui.

Ancor mi stan sul core quei rimproveri amari;

Seco farò lo stesso; voglio che siam del pari.

ALB.

Ma quel boccon de dota intanto el porta via.

CON.

Eh, la marchesa Ippolita, se volevo, era mia.

Al mondo barba d'uomo non ci sarebbe stato

Che me l'avesse tolta, s'io ci avessi aspirato,

Né il marchese Fernando, né cento altri suoi pari;

Ma io? eh, che non vado in traccia di denari,

Non me n'importa, no, non me n'importa un fico;

Son della pace mia, son del mio genio amico.

Ma vo' al signor Marchese la nuova sia recata,

Ch'ei sposa la Marchesa, perch'io non l'ho curata.

ALB.

Che bisogno ghe xe de far pettegolezzi?

CON.

So che questi signori sono a sprezzare avvezzi;

Credono di esser soli in merito, in grandezza,

E sian lor tributari l'amore e la bellezza.

Però franco vi parlo: se avessi a esser marito,

Val più della Marchesa donna Bianca in un dito.

ALB.

Fin qua gh'avè rason: ricchezza, nobiltà,

Spirito... cosse belle. Ma stimo la bontà.

Dove voleu trovar, caro el mio caro amigo,

Una putta più bona? Sentì quel che ve digo,

E d'un che ve vol ben, da amigo e servitor,

Pesè ben parole, e lighevele al cuor.

Vu un che se stesso conosce, e se carezza.

Lassè che ve lo diga, ve amè con tenerezza;

Ma da sto amor medesimo avè da tor conseggio,

Per far, per procurar, quel che per vu xe meggio.

Finché vivè cussì da maridar, saltando

Come de palo in frasca, in ogni mar pescando,

Per furbo, per accorto che siè, vegnirà el zorno,

Che amor ve cazzerà qualche malanno intorno.

E ghe n'avè l'esempio de quel che mi ve digo:

Quel della commissaria xelo stà un bell'intrigo!

solo, in ti anni; chi tardi tol muggier,

Consolazion dai fioi xe difficile aver.

Donca da ste premesse cavae dalla mia testa,

V'avè da maridar, la conseguenza è questa.

CON.

Dite bene; ma quando facessi un passo tale,

Lo farei per accrescere l'amor che in me prevale,

Per aver la mia pace, l'unico ben ch'io chieggio.

ALB.

Tolè, fortunà; podeu cercar de meggio?

Donna Bianca è una putta dolce, bella, amorosa,

Sincera, de buon cuor.

CON.

Ma è un po' troppo gelosa.

ALB.

El mal xe remediabile, caro amigo e paron.

Voleu che no la dubita? No ghe ne occasion.

CON.

Può dubitar per nulla.

ALB.

Mettè le man al petto.

Gh'aveu fin adesso motivi de sospetto?

CON.

Per dire il ver, ho avuto poca attenzione in questo.

ALB.

Bravo: cussì se parla. un cavalier onesto.

La verità par bon in ogni tempo e logo.

Donca xe compatibile de donna Bianca un sfogo.

CON.

Lo sarà, ma m'incomoda.

ALB.

Oh, questa la xe vaga!

Voler la botta piena, e la serva imbriaga.

Fe da omo una volta; pensè, che sta damina

El ciel per vu l'ha fatta, el ciel ve la destina.

CON.

Ora è sdegnata meco, né so come acchetarla.

ALB.

Eh, che con do parole fe presto a comodarla.

CON.

E poi, quando credessi la fosse al caso mio...

Converrebbe di questo discorrere allo zio.

ALB.

Vedeu? Per st'altra parte togo l'impegno mi;

E son squasi seguro, che el ne dirà de sì.

CON.

Per qual ragion dovrebbe rispondere di no?

Don Mauro sa chi sono. Sa l'entrate ch'io ho.

Sa le mie parentele; e un uom che non è cieco,

Ha da desiderarlo d'imparentarsi meco.

ALB.

Tutto quel che avè dito, xe pura verità;

E so che sti riflessi no i fe per vanità.

Co l'amigo se pol parlar con confidenza.

Ah? che parla a don Mauro, Conte, me deu licenza?

CON.

Pensiamoci un po' meglio.

ALB.

Per mi gh'ho ben pensà.

Questo xe el vostro caso... Don Mauro eccolo qua.

CON.

Andiamo.

ALB.

No, parlémoghe.

CON.

Ma voi mi tormentate.

ALB.

Parlerò mi per vu.

CON.

Bene, da voi parlate.

ALB.

Ma vardè ben, compare, no me mettè in intrigo.

CON.

Son cavalier d'onore. (incamminandosi, poi parte)

ALB.

E mi ve son amigo.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License