Carlo Goldoni
Le inquietudini di Zelinda

ATTO PRIMO

SCENA SESTA   Il Notaro e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Il Notaro e detti.

 

NOT. M'inchino umilmente a tutti questi signori. (tutti lo salutano) Scusino per amor del cielo se ho tardato a venirli a servire. Li miei affari m'hanno trattenuto a Vienna qualche giorno di più.

ELEON. Per dire la verità, eravamo un poco impazienti.

NOT. Vi domando scusa...

FLAM. Niente, niente, signore. Ciascheduno dee accudire a' propri interessi, e poi non v'era alcuna ragione per muoverci all'impazienza. (verso donna Eleonora)

ELEON. (Non lascia mai l'occasione di pungere). (piano a don Filiberto e Pandolfo)

FIL. (Soffrite, signora mia, soffrite). (piano a donna Eleonora)

PAND. (Eh, soffrir fino a certo segno...) (piano a donna Eleonora e a don Filiberto)

NOT. Eccomi qui ad aprire, a leggere, e pubblicare il testamento del fu signor don Roberto.

FLAM. Favorisca d'accomodarsi. (tutti siedono. Il Notaro nel mezzo)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License