Carlo Goldoni
Le inquietudini di Zelinda

ATTO PRIMO

SCENA NONA   Donna Eleonora, don Flaminio, don Filiberto, l'Avvocato

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Donna Eleonora, don Flaminio, don Filiberto, l'Avvocato

 

ELEON. Che legge barbara, che legge inumana è questa? Non basta ai mariti di tiranneggiar finché vivono le loro mogli, vogliono comandar loro anche dopo morti?

FIL. Signora, se mai vi mettesse in pena l'impegno ch'avete meco contratto, sappiate ch'io vi stimo e v'amo, ma sono un galantuomo, e non intendo di pregiudicare i vostri interessi.

ELEON. Sì, sì, ho capito. Temete ch'io non sia tanto ricca, quanto avevate supposto. Ecco il motivo della vostra virtuosa rassegnazione. Ma giuro al cielo si farà una lite, e mi daranno quello che m'appartiene, e sarò padrona di me, e voi mi manterrete la parola, o per amore, o per forza. (parte)

FIL. (È amabile veramente la sposa che mi son scelto. Ma vi vuol pazienza. Io l'amo, e sono dieci anni ch'io la conosco, e sono dieci anni ch'io soffro). (da sé, parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License