Carlo Goldoni
Le inquietudini di Zelinda

ATTO SECONDO

SCENA OTTAVA   Fabrizio, poi donna Eleonora e don Filiberto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Fabrizio, poi donna Eleonora e don Filiberto

 

FABR. Non v'è stato più bello al mondo di quello de' maritati. Ma ci vuol la pace, e senza la pace tutto il balsamo si converte in veleno.

ELEON. (Servita di braccio da don Filiberto) Fabrizio.

FABR. Mia signora.

ELEON. Dite al signor don Flaminio ch'avrei bisogno di parlar con lui. Se vuol degnarsi di venir qui, o se vuole ch'io passi da lui.

FABR. La servo subito; ma so ch'è in conferenza col suo avvocato.

ELEON. Venga coll'avvocato, se vuole, o m'aspettino che sarò da loro.

FABR. Subito la servo. (Mi pare impossibile che si vogliano accomodar colle buone). (da sé, parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License