Carlo Goldoni
Le inquietudini di Zelinda

ATTO SECONDO

SCENA DICIOTTESIMA   Zelinda sola.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIOTTESIMA

 

Zelinda sola.

 

(A tutto quest'ultimo discorso di Lindoro è sempre stata come stupida, guardandolo senza dir niente, e dopo ch'è partito, si scuote) Ho capito, sono a segno, ho capito ogni cosa. Scherza, giubbila, ride, mette in ridicolo la mia passione. Mi carica di finezze affettate, di tenerezze studiate, e conclude che va dove vuole, e ch'io vada dove mi pare. Era questo il tempo di lasciarmi qui nell'afflizione in cui sono? Fingere di vedermi rasserenata, e di partire contento? Ho capito tutto. Va a rivedere la cameriera... A me, a me. Tempo, testa, e condotta. Se me n'accorgo, se vengo in chiaro della verità... Il mio partito è preso, e la mia risoluzione è fissata. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License