Carlo Goldoni
Le inquietudini di Zelinda

ATTO TERZO

SCENA PRIMA   Camera in casa di Barbara, colla spinetta.   Tognina e Fabrizio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

 

SCENA PRIMA

 

Camera in casa di Barbara, colla spinetta.

 

Tognina e Fabrizio

 

TOGN. Mi fa piacere grandissimo quel che mi dite. Desidero che il buon progetto per l'avvocato riesca felicemente; lo desidero per la mia padrona, per il vostro padrone, e per il mio e per il vostro interesse.

FABR. Sì, perché i vostri interessi ed i miei sono e saranno sempre comuni.

TOGN. Subito che si sposeranno i nostri padroni...

FABR. Ci sposeremo anche noi.

TOGN. E se le cose per loro andassero male, o andassero troppo a lungo?

FABR. Se essi non si sposano, ci sposeremo noi.

TOGN. Questo è quel ch'io voleva dire.

FABR. Siamo liberi; e il nostro affare non ha a dipendere da nessuno.

TOGN. Bisogna pensare a ritrovar una casa, e ad ammobigliarla con un poco di buona grazia.

FABR. Lindoro m'ha fatto una proposizione che non mi dispiace. Mi ha detto che potressimo far casa insieme. Sapete voi che questo ci potrebb'essere d'un grand'avvantaggio?

TOGN. È vero; ma cosa volete che facciamo in compagnia di quell'uomo ch'è d'una gelosia insopportabile?

FABR. Oh v'assicuro...

TOGN. Ha fatto una scena in questa casa contro sua moglie, che meritava d'essere bastonato.

FABR. V'assicuro che non è più geloso.

TOGN. Non è più geloso?

FABR. No certo; Si è infinitamente cangiato.

TOGN. Se la cosa è così... Ma anche sua moglie mi pare di testa calda. L'ho sentita qui in questa camera a fare una certa disputa col suo padrone...

FABR. È vero, è donna d'impegno, ma è del miglior cuore del mondo.

TOGN. Anche Lindoro, fuori di quel tal difetto, mi pare un giovane assai proprio e civile...

FABR. Sì, certo. È un figliuolo amabile, è una coppa d'oro.

TOGN. Ah eccolo qui per l'appunto.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License