Carlo Goldoni
L'isola disabitata

ATTO SECONDO

SCENA QUINTA   Gianghira sola

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Gianghira sola.

 

 

Senza ch'ei più si spieghi,

Già l'intesi abbastanza,

Mi offre nel suo bel cor lieta speranza.

Ma a che pro, se non lungi

Dalla paterna riva

L'amante e il padre a penetrarlo arriva?

Per amor mio Roberto

Si espone ad un periglio, ed io meschina

La cagione sarò di sua rovina.

 

Di me più misera,

Più sfortunata,

Non rese al mondo

La sorte ingrata:

Son nata a piangere

E a sospirar.

Veggo risplendere

Per me una stella,

Ma la fortuna

Che mi è rubella,

Fra mille spasimi

Mi fa tremar. (entra nel padiglione)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License