Carlo Goldoni
L'isola disabitata

ATTO TERZO

SCENA TERZA   Valdimonte, Garamone, Panico, Carolina e Giacinta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Valdimonte, Garamone, Panico, Carolina e Giacinta

 

VAL.

Vo a dar gli ordini in fretta

Perché venga difeso il bel soggiorno.

Carolina vezzosa, a voi ritorno. (parte)

CAR.

Vada, e ritorni pur: se ne avvedrà;

Lo vuò far disperare come va. (parte)

GIAC.

Che fate voi, poltroni?

Via, perché non andate

A combatter voi pur? Qui cosa fate?

GAR.

Io son uomo di pace;

Io non comando ai militar signori,

Ma ai fabbri, ai falegnami e ai muratori.

PAN.

Ed io son quell'eroe che il ciel destina

Ai salami, ai prosciutti e alla cucina.

GIAC.

Tutti in tale occasione

Si hanno da far onore. Io, benché donna,

Voglio far come donna il poter mio.

GAR.

Anch'io vuò farlo.

PAN.

E lo vuò fare anch'io.

 

GIAC.

Vuò prepararmi

Per cimentarmi:

All'armi, all'armi. (parte)

GAR.

Voglio provarmi

Coraggio farmi:

All'armi, all'armi. (parte)

PAN.

Voglio scaldarmi,

Satanassarmi :

All'armi, all'armi. (parte)

GIAC.

Con questa lancia, (esce con una lancia)

Se alcun si accosta,

La sua risposta

Dar gli saprò.

GAR.

Con questa sega, (con una sega)

Se alla bottega

Viene un nemico,

Lo segherò.

PAN.

Con questo spiedo, (con uno spiedo)

Se venir vedo

Kakakomiri,

L'infilzerò.

GIAC.

Voglio provarmi

Con Garamone.

GAR.

Voglio segare

Quel bernardone.

PAN.

Non mi toccare,

T'infilzerò.

a tre

All'armi, all'armi.

Voglio provarmi.

All'armi, all'armi.

Timor non ho. (partono)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License