Carlo Goldoni
La locandiera

ATTO PRIMO

Scena Terza. Il Marchese ed il Conte

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Terza. Il Marchese ed il Conte

 

MARCHESE: Voi credete di soverchiarmi con i regali, ma non farete niente. Il mio grado val più di tutte le vostre monete.

CONTE: Io non apprezzo quel che vale, ma quello che si può spendere.

MARCHESE: Spendete pure a rotta di collo. Mirandolina non fa stima di voi.

CONTE: Con tutta la vostra gran nobiltà, credete voi di essere da lei stimato? Vogliono esser denari.

MARCHESE: Che denari? Vuol esser protezione. Esser buono in un incontro di far un piacere.

CONTE: Sì, esser buono in un incontro di prestar cento doppie.

MARCHESE: Farsi portar rispetto bisogna.

CONTE: Quando non mancano denari, tutti rispettano

MARCHESE: Voi non sapete quel che vi dite.

CONTE: L'intendo meglio di voi.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License