Carlo Goldoni
La locandiera

ATTO PRIMO

Scena Diciassettesima. Ortensia, Dejanira, Fabrizio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciassettesima. Ortensia, Dejanira, Fabrizio

 

Altra camera di locanda.

 

FABRIZIO: Che restino servite qui, illustrissime. Osservino quest'altra camera. Quella per dormire, e questa per mangiare, per ricevere, per servirsene come comandano.

ORTENSIA: Va bene, va bene. Siete voi padrone, o cameriere?

FABRIZIO: Cameriere, ai comandi di V.S. illustrissima

DEJANIRA: (Ci delle illustrissime). (Piano a Ortensia, ridendo.)

ORTENSIA: (Bisogna secondare il lazzo). Cameriere?

FABRIZIO: Illustrissima.

ORTENSIA: Dite al padrone che venga qui, voglio parlar con lui per il trattamento.

FABRIZIO: Verrà la padrona; la servo subito. (Chi diamine saranno queste due signore così sole? All'aria, all'abito, paiono dame). (Da sé, parte.)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License