Carlo Goldoni
La locandiera

ATTO SECONDO

Scena Ottava. Il Cavaliere, Mirandolina ed il Servitore

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ottava. Il Cavaliere, Mirandolina ed il Servitore

 

CAVALIERE: Il povero Marchese è pazzo.

MIRANDOLINA: Se a caso mai la bile gli facesse male, ha portato via la bottiglia per ristorarsi.

CAVALIERE: È pazzo, vi dico. E voi lo avete fatto impazzire.

MIRANDOLINA: Sono di quelle che fanno impazzare gli uomini?

CAVALIERE: Sì, voi siete... (Con affanno.)

MIRANDOLINA: Signor Cavaliere, con sua licenza. (S'alza.)

CAVALIERE: Fermatevi.

MIRANDOLINA: Perdoni; io non faccio impazzare nessuno. (Andando.)

CAVALIERE: Ascoltatemi. (S'alza, ma resta alla tavola.)

MIRANDOLINA: Scusi. (Andando.)

CAVALIERE: Fermatevi, vi dico. (Con imperio.)

MIRANDOLINA: Che pretende da me? (Con alterezza voltandosi.)

CAVALIERE: Nulla. (Si confonde.) Beviamo un altro bicchiere di Borgogna.

MIRANDOLINA: Via signore, presto, presto, che me ne vada.

CAVALIERE: Sedete.

MIRANDOLINA: In piedi, in piedi.

CAVALIERE: Tenete. (Con dolcezza le il bicchiere.)

MIRANDOLINA: Faccio un brindisi, e me ne vado subito. Un brindisi che mi ha insegnato mia nonna.

Viva Bacco, e viva Amore:

L'uno e l'altro ci consola;

Uno passa per la gola,

L'altro va dagli occhi al cuore.

Bevo il vin, cogli occhi poi...

Faccio quel che fate voi. (Parte.)


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License