Carlo Goldoni
La locandiera

ATTO SECONDO

Scena Diciannovesima. Il Marchese ed il Conte, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciannovesima. Il Marchese ed il Conte, e detti

 

MARCHESE: Cavaliere?

CONTE: Amico?

CAVALIERE: (Oh maldetti!). (Va smaniando.)

MARCHESE: Mirandolina.

MIRANDOLINA: Oimè! (S'alza.)

MARCHESE: Io l'ho fatta rinvenire.

CONTE: Mi rallegro, signor Cavaliere.

MARCHESE: Bravo quel signore, che non può vedere le donne.

CAVALIERE: Che impertinenza?

CONTE: Siete caduto?

CAVALIERE: Andate al diavolo quanti siete. (Getta il vaso in terra, e lo rompe verso il Conte ed il Marchese, e parte furiosamente.)

CONTE: Il Cavaliere è diventato pazzo. (Parte.)

MARCHESE: Di questo affronto voglio soddisfazione. (Parte.)

MIRANDOLINA: L'impresa è fatta. Il di lui cuore è in fuoco, in fiamme, in cenere. Restami solo, per compiere la mia vittoria, che si renda pubblico il mio trionfo, a scorno degli uomini presuntuosi, e ad onore del nostro sesso.


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License