Carlo Goldoni
La locandiera

ATTO TERZO

Scena Quindicesima. Il Cavaliere di dentro e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quindicesima. Il Cavaliere di dentro e detti

 

Il Cavaliere batte alla porta dove era prima.

MIRANDOLINA: Picchiano. (A Fabrizio.)

FABRIZIO: Chi è che picchia? (Forte verso la porta.)

CAVALIERE: Apritemi. (Di dentro.)

MIRANDOLINA: Il Cavaliere. (A Fabrizio.)

FABRIZIO: Che cosa vuole? (S'accosta per aprirgli.)

MIRANDOLINA: Aspettate ch'io parta.

FABRIZIO: Di che avete timore?

MIRANDOLINA: Caro Fabrizio, non so, ho paura della mia onestà. (Parte.)

FABRIZIO: Non dubitate, io vi difenderò.

CAVALIERE: Apritemi, giuro al cielo. (Di dentro.)

FABRIZIO: Che comanda, signore? Che strepiti sono questi? In una locanda onorata non si fa così.

CAVALIERE: Apri questa porta. (Si sente che la sforza.)

FABRIZIO: Cospetto del diavolo! Non vorrei precipitare. Uomini, chi è di ? Non ci è nessuno?

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License