Carlo Goldoni
La madre amorosa

ATTO PRIMO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Donna Aurelia, donna Lucrezia e don Ermanno.

 

AUR. Possibile, signora cognata, che non abbiate a cuore il decoro della nostra famiglia?

LUCR. Voi fondate il decoro nella vanità, ed io lo fondo nella sostanza, nei comodi e nel denaro.

AUR. Sì veramente la casa si mantiene con un grande splendore.

ERM. Voi altre donne siete incontentabili. Vi par poco, eh, spendere in una casa mezzo filippo il giorno?

AUR. In cinque persone veramente è troppo.

ERM. L'entrate non rendono tanto, ci rimettiamo ogni anno del nostro.

AUR. Dite che ogni anno avanzate delle migliaia di scudi.

LUCR. Non è vero, non sapete che cosa vi dite.

AUR. Portatemi rispetto, signora.

LUCR. Fareste meglio andarvene da questa casa.

AUR. Vi anderò; ma verrà meco mia figlia.

LUCR. Vostra figlia è in casa sua, e non vi deve uscire che collocata.

AUR. Povera Laurina! voi la volete tradire.

LUCR. Come tradirla? Laurina è sangue mio, perché è sangue di mio fratello. L'amo come una mia figliuola e la marito con uno che la farà star bene, che la farà viver bene.

AUR. Con Florindo voi non la mariterete assolutamente.

LUCR. Sì, la mariterò a vostro dispetto.

AUR. Mi farò intendere, mi farò far giustizia.

LUCR. Se non si sposerà col signor Florindo, la caccerò in un ritiro.

AUR. Siete una barbara.

LUCR. Siete una pazza.

AUR. Portatemi rispetto, vi dico: sono una dama.

LUCR. Ed io sono la padrona di questa casa.

ERM. Sì signora, donna Lucrezia ed io siamo quei che comandano.

AUR. Povero mio consorte! Non aveva egli le massime che avete voi.

LUCR. Se non vi sappiamo dare nel genio, prendete la vostra dote, e andate a stare con chi volete.

AUR. Se non ci fosse mia figliuola, non ci sarei stata un'ora.

LUCR. La vostra figliuola vi ha veramente una grande obbligazione. Voi l'avete rovinata.

AUR. Io? come?

LUCR. Non le avete insegnato altro che a farsi i ricci, ed a vestirsi con attillatura.

AUR. Ad una dama non conviene andare come una serva.

LUCR. Che dama? Le dame che non hanno denari, diventano presto pedine.

AUR. In casa degli avari sempre si piange.

LUCR. Signora cognata, voi mi farete perdere la pazienza.

AUR. Siete gente incivile.

LUCR. Siete superba, vana, insoffribile.

AUR. Se avessi in Napoli i miei parenti, non parlereste così.

ERM. I vostri parenti non ci farebbero punto paura.

AUR. Rendetemi conto dei frutti della dote di mia figliuola.

LUCR. Ho tanto di testa. Non mi stordite di più.

AUR. E se non lo farete di buona voglia...

LUCR. Andate via, signora cognata.

AUR. Troverò chi ve lo farà fare per forza.

ERM. La cosa va un poco lunga.

AUR. Rispondetemi a tuono.

LUCR. Vi risponderò un'altra volta. (parte)

ERM. Sì signora, un'altra volta. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License