Carlo Goldoni
L'amante di sé medesimo

ATTO QUINTO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Il signor Alberto e detti.

 

ALB.

(Veli qua tutti do.

Xeli in collera, o in pase? Adesso el saverò). (da sé)

Patroni reveriti.

CON.

Che nuove, amico mio?

ALB.

Le nove xe bonissime. Xe contento el sior zio.

CON.

Oh Alberto adoratissimo! (s'alza per abbracciarlo)

BIA.

Oh amico senza pari! (s'alza e s'avvicina ad Alberto)

ALB.

Oe, la pase xe fatta!

CON.

Tali amici son rari.

ALB.

Oe, ventimile scudi. (al Conte)

CON.

Bastami tal consorte.

ALB.

Eh, anca questo, compare, è un articolo forte.

CON.

Vadasi da don Mauro.

ALB.

L'ha da vegnir qua elo.

El xe tutto contento. El par giusto un puttelo;

E anca della Marchesa el mostra un gusto matto.

BIA.

È poi ver che si sposi?

ALB.

S'ha da far el contratto.

No manca che el nodaro, daresto ghel bisogno.

BIA.

E per me?

ALB.

Se gh'intende.

BIA.

Ah, che mi par un sogno!

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License