Carlo Goldoni
I malcontenti

ATTO PRIMO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Camera in casa del signor Ridolfo.

 

Il signor Ridolfo, Cricca ed un Sarto

 

RID. Gran vizio maladetto di voi altri sarti, che volete sempre farvi aspettare.

SAR. Abbiamo lavorato tutta notte per servirla.

RID. Sono quindici giorni che ho ordinato quest'abito per andar in campagna e vi siete ridotti a portarlo ora che ho i cavalli da posta in casa; ora che sto per partire.

SAR. Bisogna ch'ella sappia...

RID. Non avete pontualità, non avete parola, non avete rispetto per le persone di qualità, di carattere.

SAR. Se mi permette, vorrei giustificarmi, signore, della mia tardanza.

RID. Via, che direte in vostra giustificazione? Sono quindici giorni.

SAR. È vero, sono quindici giorni; ma il mercante da oro, che ci doveva dare i galloni per di lei conto, non ha voluto darli senza il denaro, ed il mio padrone è stato costretto a prenderli da un altro, e metter fuori il denaro di sua scarsella.

RID. Cricca, tirate giù. Vediamo se questo vestito va bene. (si fa vestire da Cricca)

CRI. (Ehi, l'istoria dei galloni lo ha ammutolito). (piano al Sarto)

SAR. (Cattivo segno) (piano a Cricca)

RID. Via, proviamolo. (al Sarto, il quale gli mette il vestito)

SAR. Dovrebbe andar bene. Il padrone non è solito di fallare.

RID. Ecco, è troppo largo.

CRI. Lo ha lasciato a posta un poco larghetto: l'autunno vengono delle giornate fredde; se vuol mettersi sotto qualche cosa di più...

RID. Cricca, chiamate mia sorella, ditele che venga a vedere se quest'abito mi sta bene.

CRI. Poco fa non c'era la signora Leonide. Non so se sia ritornata.

RID. Andate a vedere.

CRI. La servo subito. (parte poi torna)

SAR. L'assicuro che gli sta dipinto.

RID. Queste maniche non mi paiono alla moda.

SAR. Oh, che dice mai! Vedrà che tutti i forestierl le portano così.

RID. Ho veduto ieri un inglese, che le aveva due dita più lunghe.

SAR. Sarebbe poi una caricatura.

CRI. Signore, è qui il procuratore di casa, che avrebbe necessità di parlargli.

RID. Ditegli che or ora vado in campagna, che non ho tempo di sentire a parlar di liti.

CRI. Veramente gliel'ho detto io, ma mi ha risposto che la premura è grande, e prima ch'ella parta, gli deve tenere un piccolo discorsetto.

RID. Gran seccatori! Che aspetti. Quando mi sarò spicciato del sarto, potrà venire. La signora Leonide l'avete veduta?

CRI. Non signore, per causa del procuratore. Vado ora a ricercare di lei.

RID. Ditele che l'aspetto.

CRI. (Ogni anno da questi giorni si mette in confusione la casa. E gli interessi suoi vanno in precipizio). (da sé, e parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License