Carlo Goldoni
I malcontenti

ATTO TERZO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Il signor Geronimo, il signor Policastro e Geppino servitore, colla lanterna.

 

GERON. V'ho detto, e vi torno a dire, che Grisologo è un ignorante.

POLIC. Ed io vi dico, che ne sa più di voi.

GERON. Nella commedia di questa sera ci sono più spropositi che parole.

POLIC. Spropositi? Se scrive da Cicerone. Scrive colla Crusca alla mano; dice paroloni stupendi.

GERON. Paroloni fuor di proposito. E poi, che pasticcio è quello che ha egli fatto? Si può far peggio?

POLIC. Pasticcio chiamate una commedia fatta sul gusto di quelle di Sacca... di Sacchi... di Sacco...

GERON. Di Sacchespir volete dire. C'è tanta differenza, come dal giorno alla notte.

POLIC. Chi sente voi, non ci sono altri dottori che voi, e io non so niente, io.

GERON. Oh, voi sapete molto! Povera la vostra famiglia, se venisse regolata da voi.

POLIC. Povera, povera, povera... Geppino

GEPP. Signore.

POLIC. Ce ne sono più fichi?

GEPP. Tre o quattro ancora.

POLIC. Date qui.

GEPP. Eccoli. (gli il cartoccio)

POLIC. Povera, povera, povera (mangiando fichi)

GERON. Eccoli i due mestieri del signor Policastro. Mangiare e dormire.

POLIC. E voi taroccare, e contar quattrini.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License