Carlo Goldoni
I malcontenti

ATTO TERZO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Camera con lumi sul tavolino.

 

La signora Felicita, poi Grilletta

 

FELIC. Pagherei uno scudo a poter vedere la signora Leonide, e corbellarla un poco. Ma la vedrò domani. Spero che il signor Ridolfo tratterà meco da galantuomo; mi manterrà quello che mi ha promesso; ed io poi sarò obbligata di corrispondere...

GRILL. Eccomi qui. La signora Taddea la riverisce. Le manda il tabarrino....

FELIC. Non mi occorre altro. Glielo potete riportare.

GRILL. Ci è il cappellino, e l'ombrellino ancora.

FELIC. Se vi dico che non mi occorre.

GRILL. Non si va altro in villa?

FELIC. Per ora no. Domattina riportate le robe sue alla signora Taddea, ditele che la ringrazio. Sentite, potete dirle che ho mandato a prendere queste cose per mostra, e che mi faccio un tabarrino nuovo, un cappellino nuovo ed un parasole.

GRILL. Sì signora, ho capito. Ma che vuole dire, che non si va in campagna?

FELIC. Vuol dire che non va più nemmeno la signora Leonide.

GRILL. Certo, egli è vero. Non ci va più. Passando ora per la sala terrena, l'ho sentita gridar come un'aquila. Lo sa ella, signora padrona, il perché non va la signora Leonide?

FELIC. Lo so certo. Il signor Ridolfo, che ha della stima di me, si è impegnato meco di non partire, se non siamo in grado di partir seco.

GRILL. Oh signora mia, ella è male informata.

FELIC. Come! non sarà vero che il signor Ridolfo abbia della premura per me?

GRILL. Sarà verissimo; ma non è questo il motivo che lo trattiene.

FELIC. Che altro dunque lo può arrestare?

GRILL. Sono stata informata di tutto, ora in passando, dalla cameriera della signora Leonide. Dice così, che il signor Ridolfo è circondato da' creditori, e se non li paga prima d'andarsene, gli succederanno de' guai.

FELIC. Oh, questa è bella davvero! Ora vorrei che mi capitasse alle mani la signora Leonide. Ci ho tanto gusto, Grilletta, quanto se andassi ora in villa, e credo ancora di più.

GRILL. Affé, mi pare... è dessa senz'altro. (guardando tra le scene)

FELIC. Chi?

GRILL. La signora Leonide.

FELIC. Oh bellissima! viene a tempo.

GRILL. Vado a ripor queste robe. Dica forte, che sentirò ancor io. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License