Carlo Goldoni
I malcontenti

ATTO TERZO

SCENA SEDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SEDICESIMA

 

Il signor Geronimo, poi il signor Policastro

 

GERON. Ora spero di condurre la cosa bene, senza strepiti.

POLIC. Siete voi che mi vuole?

GERON. Sono io, che disdicendomi del male che ho detto di vostro figlio, desidero ora che siate a parte di un frutto novello della di lui virtù.

POLIC. Lo toccherete con mano, che Grisologo è virtuoso.

GERON. Virtuosissimo anzi, non c'è dubbio. Eccolo che egli viene da quella stanza. Non ci facciamo vedere così presto. (si ritira un poco col signor Policastro)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License