Carlo Goldoni
Le massere

ATTO PRIMO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Anzoletto, poi Zanetta e Momolo.

 

ANZOLETTO:

La xe ridicolosa. Oh che cara vecchietta!

Ancora la gh'ha voggia de far la morosetta.

La xe spiritosa, franca, bizzarra, ardita.

Mi mo, co ste massere, mi ghe vago de vita.

No ghe ne spendo uno, e stago allegramente;

E po, che belle cosse che da custìe se sente!

Se sa i pettegolezzi de tutti i so paroni,

De questa e de quell'altra le dise i pettoloni.

Chi al zogo, chi al teatro spende le notte intiere;

El mio divertimento xe a star colle massere.

ZANETTA:

Momolo, la xe dita.

MOMOLO:

Farò quel che volè.

ANZOLETTO:

Xe qua un'altra massera. (Vedendo venir Zanetta.)

ZANETTA:

A parecchiarve andè. (A Momolo.)

MOMOLO:

Cossa dirà el paron, se stago tutto un zorno?

ZANETTA:

Se el ve licenzierà, troverè un altro forno.

Andeve a inmascherar; ma presto, se se pol.

MOMOLO:

Vago un abito a nolo a tor dal strazzariol. (Parte.)

ANZOLETTO:

Putta, bondì sioria.

ZANETTA:

Patron, sior Anzoletto.

ANZOLETTO:

Steu ben?

ZANETTA:

Cussì e cussì.

ANZOLETTO:

Ve divertìu?

ZANETTA:

Un pochetto.

ANZOLETTO:

Chi xelo quel puttazzo che parlava con vu?

ZANETTA:

El putto del forner. No l'ave cognossù?

ANZOLETTO:

El se va a inmascherar?

ZANETTA:

Sì ben. L'aveu sentio?

ANZOLETTO:

L'ho sentio, ghe dirave de quei che l'ha nanio.

ZANETTA:

Perché?

ANZOLETTO:

Perché ne tocca a nualtri Veneziani,

Véder el meggio e el bon in man de sti Furlani.

Un tocco de forner de vu sarà paron:

Se un Venezian vegnisse, diressi el xe un baron.

Basta, ghe vol fortuna.

ZANETTA:

Caro sior Anzoletto,

Se disessi dasseno, el forner me lo petto.

Ancuo gh'ho la zornada, e per non andar sola,

Xe capità el forner, gh'ho dito una parola.

Ma se vu ve degnessi vegnirme a compagnar,

Momolo lo licenzio, lo mando a far squartar.

ANZOLETTO:

Sì ben, ma descorremola un poco tra de nu.

Cossa dirà i paroni, se mi vegno con vu?

ZANETTA:

Mo ve dirò, compare, no son miga una matta;

Se va fora de casa, e dopo se se catta.

Ghe sarà una mia amiga; za nissun ne vien drio.

Ela troverà el soo, e mi troverò el mio.

ANZOLETTO:

Brava; se troveremo...

:

In dove che volè.

ANZOLETTO:

Zo del ponte del Lovo; da quello del caffè.

ZANETTA:

La xe dita.

ANZOLETTO:

A che ora?

ZANETTA:

Avanti mezzodì.

ANZOLETTO:

In maschera, nevvero?

ZANETTA:

In maschera, sior sì.

ANZOLETTO:

Vardè ben.

ZANETTA:

La xe dita. Me vago a destrigar.

ANZOLETTO:

Gh'aveu delle fazzende?

ZANETTA:

Oh, gh'ho tanto da far.

Ma quando ho fatto el pan, m'ho destrigà del più.

ANZOLETTO:

Vôi che se la godemo.

ZANETTA:

Oe, ghe penserè vu. (Entra in casa.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License