Carlo Goldoni
Le massere

ATTO PRIMO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Anzoletto, poi Donna Rosega

 

ANZOLETTO:

Voggio gòder, per diana. Me voggio sbabazar.

Oh se podesse in maschera sta vecchia strascinar!

E Gnese? No la puol vegnir con nu? Perché?

Son bon anca per diese, se no basta per tre.

ROSEGA:

Presto, tolè sto secchio.

ANZOLETTO:

Coss'è, che instizzada?

ROSEGA:

Sì ben, ho visto tutto: no vôi esser burlada.

ANZOLETTO:

Con mi? Cossa v'oi fatto?

ROSEGA:

V'ho visto a chiaccolar.

ANZOLETTO:

Oh, ve conterò tutto.

ROSEGA:

Andeve a far squartar.

ANZOLETTO:

Sentì, gh'intrè anca vu in quel che s'ha parlà.

ROSEGA:

De mi cossa aveu dito?

ANZOLETTO:

Aspettè, vegnì qua.

Far una mascherada s'ha dito tra de nu:

Zanetta con un altro; mi in compagnia con vu.

Voleu vegnir con mi?

ROSEGA:

Mi sì, che vegnirò.

ANZOLETTO:

Ve darali licenzia?

ROSEGA:

Ghe la domanderò.

E se de no i me dise, ca de diana de dia,

Impianto i mi paroni, chiappo su e vegno via.

ANZOLETTO:

Ve vegnirò a levar.

ROSEGA:

Vardè ben, che ve aspetto.

Za el pan l'ho fatto, e presto scoo, e fazzo suso el letto.

ANZOLETTO:

Ve inmaschereu?

ROSEGA:

Seguro, che me inmaschererò.

Fin che i paroni dorme, l'armer averzirò.

Me torrò una carpetta, torrò un abito bon,

E anderò a inmascherarme da mia nezza in scondon.

I abiti che gh'ho, da maschera, i xe brutti:

La roba de sto mondo la gh'ha da far a tutti.

ANZOLETTO:

Via da brava, fe presto. Me inmaschero e ve aspetto.

ROSEGA:

Vôi che se la godemo. Oh che caro Anzoletto! (Parte.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License