Carlo Goldoni
Le massere

ATTO PRIMO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Anzolino, poi Trottolo.

 

ANZOLETTO:

E do. Voggio trovarghene qualchedun'altra ancora;

Vôi unir ste massere; vôi devertirme un'ora.

Ma Gnese no se vede. La m'ha impiantà cussì?

Coss'oi da far del secchio? ghe l'oi da portar mi?

Se passasse qualcun... Oe putto, vegnì a nu.

TROTTOLO:

Son qua, cossa comandela?

ANZOLETTO:

Gh'ho bisogno de vu.

Porteressi sto secchio?

TROTTOLO:

Sior sì, lo porterò.

ANZOLETTO:

Andè zo per de , che drio ve vegnirò. (Trottolo parte.)

Se i mi amici me vede andar col secchio arente,

I me vegnirà drio; no vôi che i sappia gnente.

Tutti se devertisse chi in questo e chi in quel modo,

E mi colle massere gh'ho spasso e me la godo.

El star in suggizion me par cossa da alochi.

Mi me deverto assae, ma ghe ne spendo pochi. (Parte.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License