Carlo Goldoni
Le massere

ATTO PRIMO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Camera in casa di Dorotea.

Raimondo e Zanetta.

 

ZANETTA:

Sior sì, la xe levada. Ma no l'ha averto ancora;

Prima che la sia all'ordene, ghe vorrà più de un'ora.

RAIMONDO:

Ho un interesse in Piazza, che m'obbliga d'andar.

ZANETTA:

La vaga, se la vol, la poderà tornar.

RAIMONDO:

Ditemi il ver, Zanetta, la vostra padroncina

Ha per me qualche stima?

ZANETTA:

La xe una testolina,

Che... no saveria dir; segondo che s'imbatte:

Ora la xe da uovi, ora la xe da latte.

RAIMONDO:

Per me le parlereste?

ZANETTA:

No vorla? Gh'ho parlà.

(No me l'insogno gnanca, gnanca no gh'ho pensà). (Da sé.)

RAIMONDO:

Delle parole vostre fate che senta il frutto.

Dite, che cosa ha detto?

ZANETTA:

No ghe voggio dir tutto.

RAIMONDO:

Ma pur come gradisce l'idea che ho di servirla?

ZANETTA:

No ghe xe so mario, bisogna compatirla.

RAIMONDO:

Non vi capisco bene. Vuole o non vuol per questo?

M'intendo di servirla da galantuomo onesto.

ZANETTA:

La senta, sior Raimondo, parlo col cuor in man,

La parona mi spero disponerla pian pian.

Ma... capìssela, sior?

RAIMONDO:

Via, parlatemi schietto.

ZANETTA:

A tempo qualche volta fa colpo un regaletto.

RAIMONDO:

Se troppo ardir non fosse...

ZANETTA:

Eh, che quando se dona,

El xe un ardir che tutte le femene perdona.

RAIMONDO:

Se il suo genio sapessi, lo farei volentieri.

ZANETTA:

La senta una desgrazia che xe successa gieri.

La parona al balcon giera sora canal,

L'ha ponta un vero rotto, e la s'ha fatto mal.

Scolando el sangue in acqua con el deo menuelo,

Per diana che in canal ghe xe cascà l'anelo.

Vôi mo dir... compatime se disesse un sproposito:

Un anello in sto caso saravelo a proposito?

RAIMONDO:

Di qual prezzo era quello che Dorotea ha perduto?

ZANETTA:

Mi credo che el valesse diese zecchini in tuto.

RAIMONDO:

Questo mi costa sedici.

ZANETTA:

Donèghelo a drettura.

Cussì col cavedal la gh'averà l'usura.

RAIMONDO:

Ma com'è mai possibile ch'ella da me l'accetti?

ZANETTA:

Oh, se la lo terrà!

RAIMONDO:

Voi fate che io sospetti.

S'ella da me il riceve, s'ella i regali apprezza,

A prenderne dagli altri questa signora è avvezza.

ZANETTA:

Questo po no, ghe zuro certo su l'onor mio;

Xe debotto sie mesi, che manca so mario.

Regali no l'ha abuo, nissun l'ha praticà;

E gnanca la tiorave sto anello che xe qua.

Ma avendo perso quello... no so se la m'intenda;

Pol esser, se ghe parlo...

RAIMONDO:

Puol esser che lo prenda.

ZANETTA:

Mi po so el con e el ron, e so dove ghe diol.

Ve basta, sior Raimondo, intenderme la pol.

RAIMONDO:

Non so che dir: poss'io far questa prova ancora.

Io vi darò l'anello per darlo alla signora.

Ma sentite, Zanetta, di voi mi fido, è vero;

Mediante l'opra vostra, che l'aggradisca io spero;

Ma sapendo ch'io sono di tanta grazia indegno,

Del gradimento suo vorrei un certo segno.

ZANETTA:

Crédelo che lo toga per metterlo in aseo?

Ve basta, sior Raimondo, de véderghelo in deo?

RAIMONDO:

Questo mi basterebbe.

ZANETTA:

Donca cussì sarà.

La gradirà l'anello, e la lo porterà.

RAIMONDO:

Eccolo...; ma badate.

ZANETTA:

Ih, ih, tanto ghe vol?

In sta sorte de cosse, no occorre dir me diol.

RAIMONDO:

Mi raccomando a voi. Oprate da valente.

ZANETTA:

La lassa far a mi; per mi za no vôi gnente.

RAIMONDO:

Il mio dover lo so.

ZANETTA:

Ho sentio a dir cussì,

Una man lava l'altra, e tutte do el sior sì.

RAIMONDO:

Siete una gran ragazza! Eccovi un ducatello.

ZANETTA:

Grazie, grazie (za el resto caverò da l'anello).

RAIMONDO:

Verrò per la risposta.

ZANETTA:

La vegna a mezzodì.

RAIMONDO:

Ci verrò senza fallo.

ZANETTA:

(Ma no ghe sarò mi). (Da sé.)

RAIMONDO:

Ehi, nol dite alla Rósica. Nol sappia mia consorte,

Ch'io feci un passo tale, ch'io venni in queste porte.

ZANETTA:

Mi no parlo seguro. La gh'ha sta brutta usanza?

Donca la xe zelosa de lu siora Costanza?

RAIMONDO:

Una donna buonissima fu ognor la moglie mia,

Ma sempre ebbe il difetto di pazza gelosia.

ZANETTA:

E lu xelo zeloso?

RAIMONDO:

Io no, anzi vorrei

Ch'ella si divertisse.

ZANETTA:

No la gh'ha cicisbei?

RAIMONDO:

Non pratica nessuno. Procuro qualche amico

Condurre a divertirla; faccio per essa, e dico;

Servirla onestamente alcuno anche ha provato,

Ma al terzo o al quarto giorno si è ciascuno stancato.

ZANETTA:

Cossa vol dir? Perché?

RAIMONDO:

Tutto l'è indifferente;

Non gusta alcun piacere, non ha voglia di niente.

ZANETTA:

Come sarave a dir... Oh, chiama la parona.

RAIMONDO:

Posso restar...

ZANETTA:

Sior no; la vaga, la perdona;

La torna co gh'ho dito; la lassa far a mi.

RAIMONDO:

Innanzi mezzogiorno ci rivedrem.

ZANETTA:

Sior sì.

RAIMONDO:

Chi sa ch'io non la spunti? talor son le massere

Provvide mediatrici, provvide consigliere.

ZANETTA:

Che caro sior Raimondo! In verità el xe bello!

Ghe piase la parona; el ghe dona un anello!

El vol che mi ghe parla, che l'azzalin ghe bata.

Zanetta Pappasùgoli xe una putta onorata.

Sto mistier no so farlo. Nol voggio far per ello.

Ma me despiaseria se perdesse sto anello.

Qualche bella maniera trovar bisognerà

De vadagnar l'anello co un poco de onestà.

Ghe penseremo suso; co se vol, se se inzegna;

S'impara dalle altre, e la natura insegna. (Parte.)



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License