Carlo Goldoni
Le massere

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

 

Camera in casa di Dorotea.

Dorotea e Zanetta

 

DOROTEA:

Oe, Zanetta.

ZANETTA:

Lustrissima.

DOROTEA:

Vien qua.

ZANETTA:

Son a servirla.

DOROTEA:

Chi ghe giera de ?

ZANETTA:

Uno per reverirla.

DOROTEA:

Gierelo sior Raimondo?

ZANETTA:

Giusto elo da bon.

DOROTEA:

Se el vien un'altra volta, dighe che no ghe son.

ZANETTA:

No la lo vol in casa?

DOROTEA:

No lo vôi praticar.

No vôi che so muggier s'abbia da lamentar.

Ma cossa t'alo dito?

ZANETTA:

El m'ha dito cussì,

Che el tornerà da ela avanti mezzodì.

DOROTEA:

Che nol staga a vegnir; no lo vôi praticar.

Se sa cossa che el voggia?

ZANETTA:

La se lo pol pensar.

El la vede al balcon, do volte el gh'ha parlà.

Gramazzo! se el podesse, el vorria vegnir qua.

No la lo vol?

DOROTEA:

Bisogna, quando la xe cussì,

Che ghe daga in tel genio.

ZANETTA:

L'ho pensada anca mi.

DOROTEA:

E sì, per quel che so, l'è un omo che ha cervello.

ZANETTA:

(Me par che saria tempo de parlar dell'anello!) (Da sé.)

DOROTEA:

De mi coss'alo dito?

ZANETTA:

L'ha dito tanto ben;

L'ha parlà veramente, come che se convien.

Se vede che per ela el gh'ha tutto el respetto.

Lustrissima, la varda mo sto bell'anelletto.

DOROTEA:

Un anello? Pettegola, cossa voressi dir?

De mandarmelo fursi alo avudo l'ardir?

Regali a una par mia? vorave véder questa!

Senti, desgraziadela, te romperò la testa.

ZANETTA:

Pian pian, no la se scalda, che la m'ha tiolto in falo.

Sto anello el xe da vender. Nol xe miga un regalo.

Xe vegnù stamattina da mi donna Verìgola,

Quella vecchia sì fatta, che fa la revendigola;

La gh'aveva sto anello, e la me l'ha lassà

Acciò che ghe lo mostra: i lo a bon marcà.

El val diese zecchini, dise chi se n'intende;

E adesso per bisogno a bon marcà i lo vende.

Per cinque o sie zecchini...

DOROTEA:

Lo compreria per tre.

ZANETTA:

I bezzi la me daga; presto, so mi perché.

DOROTEA:

Sì ben, za che giersera ho vadagnà a Redutto...

ZANETTA:

Se la tornerà a perder, no la perderà tutto.

DOROTEA:

Daghe tre zecchini... E po, se no la i vol?

ZANETTA:

La me li daga pur. Sora de mi la i tol.

DOROTEA:

Se la i tol, me contento; i xe ben impiegai.

ZANETTA:

(Anca per la mia parte i xe ben vadagnai). (Da sé.)

DOROTEA:

Tolè. I xe un poco scarsi ma tanto i li torrà.

ZANETTA:

Eh lustrissima sì, senza difficoltà.

DOROTEA:

La me par impussibile, che i lo venda cussì.

ZANETTA:

La lo tegna, e la staga quieta sora de mi.

DOROTEA:

Dov'è donna Verìgola?

ZANETTA:

La sarà in sto contorno.

Vago, per contentarla, a darghe i bezzi, e torno.

(Ho fatto, posso dir, un viazo e tre servizi.

Saremo tre contenti, e resteremo amizi.

Mi goderò i zecchini, la parona l'anello;

Contento è per adesso sior Raimondo anca ello.

E se sarà scoverti un zorno i pettoloni,

A nualtre massere no ne manca paroni). (Da sé, e parte.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License