Carlo Goldoni
Le massere

ATTO SECONDO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Meneghina e Dorotea.

 

MENEGHINA:

O de casa? (Di dentro.)

DOROTEA:

Chi è ?

MENEGHINA:

Se pol vegnir?

DOROTEA:

Vegnì.

MENEGHINA:

GhZanetta?

DOROTEA:

Chi seu?

MENEGHINA:

Lustrissima, son mi.

DOROTEA:

Cossa gh'è, Meneghina? Cossa voleu?

MENEGHINA:

Son qua,

Perché la mia parona in scondon m'ha mandà.

DOROTEA:

La v'ha mandà in scondon?

MENEGHINA:

Zanetta dove xela?

DOROTEA:

Podè parlar con mi, se no la ghe xe ela.

MENEGHINA:

Mi ghel diria, ma po, se la parona el sa?

DOROTEA:

Dimmelo, Meneghina, no la lo saverà.

MENEGHINA:

M'ha dito la parona, che veda con bel modo

Farme dar da Zanetta sta pignatta de brodo.

DOROTEA:

(Brava, la vôi scavar). Diseme, Meneghina,

Da vu no se fa brodo? da vu no se cusina?

MENEGHINA:

Ze otto che el paron no manda gnente a casa;

Ze otto che se zuna: ma i m'ha dito che tasa.

DOROTEA:

Cossa vol dir? contème. Za mi no digo gnente.

MENEGHINA:

Mi dormo in t'un armer dei mi paroni arente;

Dal freddo e dalla fame me stento a indromenzar.

Tutta la notte i sento tra de lori a criar.

No so, ma la parona me par che la ghe diga:

Dove estu stà, baron? xestu stà dall'amiga?

Ti sarà andà con ela a spasso a tripudiar;

E a mi, povera grana, me tocca a suspirar.

DOROTEA:

E lu cossa respondelo?

MENEGHINA:

Un pezzo el lassa dir,

El tase, nol responde, el finze de dormir;

Ma quando che el xe stufo, sala cossa che el fa?

El salta co è una bestia, el strapazza, el ghe .

Tasi, el ghe dise, tasi; e ela per despetto

La vol parlar, e elo buttela zo del letto.

La pianze, poveretta, ghe vien i occhi sgionfi,

La lo tormenta sempre, e lu ghe dei tonfi.

DOROTEA:

Povera desgraziada! la xe in t'un brutto intrigo.

Ma no la gh'ha nissun?

MENEGHINA:

La gh'aveva un amigo.

Fina che el xe vegnù, le cosse andava ben.

I s'ha po desgustà; xe un pezzo che nol vien.

DOROTEA:

Mo per cossa no vienlo?

MENEGHINA:

Per amor della zente.

Ma adesso che ghe penso: no i vol che diga gnente.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License