Carlo Goldoni
Le massere

ATTO SECONDO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Raimondo e Donna Rosega

 

RAIMONDO:

Che dite? tutto il giorno mi tormenta così.

ROSEGA:

Poverazza! me vien da pianzer anca a mi. (Piangendo.)

RAIMONDO:

Ora che d'un tal fatto la moglie mia sospetta,

Non vi fate vedere a parlar con Zanetta.

ROSEGA:

Certo che a una muggier ste cosse no par bon.

Da qua avanti a Zanetta ghe parlerò in scondon. (Piangendo.)

RAIMONDO:

Ora perché piangete?

ROSEGA:

Son tenera de cuor.

De lu e anca de ela compatisso l'amor.

La diga, sior paron, in maschera che vaga?

RAIMONDO:

Or, con questi sospetti, la cosa non mi appaga.

ROSEGA:

La senta, vien con mi Zanetta, e alla barona

Pol esser che s'inmaschera anca la so parona.

Ancuo mo la sarave apponto l'occasion

Co siora Dorotea de far conversazion.

RAIMONDO:

Non dite mal davvero. Se creder lo potessi...

ROSEGA:

Vegnì, so quel che digo.

RAIMONDO:

Se timor non avessi...

ROSEGA:

Timor? za la parona no la saverà gnente.

RAIMONDO:

Voglio provar.

ROSEGA:

Ma zitto. Fe da omo prudente.

RAIMONDO:

Ci troveremo in Piazza, o sul tardi a Ridotto.

ROSEGA:

Se la sarà con nu, mi ve farò de motto.

RAIMONDO:

Se potessi condurla a pranzo in qualche sito...

ROSEGA:

Lassè operar a mi, che mi farò pulito.

RAIMONDO:

Io pagherò per tutti.

ROSEGA:

No ve faressi mal

A darme da comprar un volto natural.

RAIMONDO:

Eccovi trenta soldi.

ROSEGA:

Grasso quel dindio!

RAIMONDO:

E poi,

Già sapete chi sono. Farò di più per voi.

Torno ad immascherarmi, e vado fuor di casa.

Ma che dirà mia moglie?

ROSEGA:

Bisogna che la tasa.

Me despiase dasseno; ma a dirla tra de nu,

Farave anca per ela quel che fazzo per vu.

RAIMONDO:

Ehi, non fate la pazza.

ROSEGA:

Oh, no v'indubitè,

Che no ghe xe pericolo; za savè chi la xe.

RAIMONDO:

È ver, mia moglie è saggia a confusione mia,

Sol mi tormenta un poco con troppa gelosia.

Ma penso qualche volta... Basta, per or vogl'io

Pensare a divertirmi; ci siamo intesi, addio. (Parte.)

ROSEGA:

Oh, la sarave bella, se se podesse far

Che el mio paron a tutti ne pagasse el disnar.

Za m'ha contà Zanetta la cossa dell'anello;

Anderemo d'accordo pelandolo bello.

Za l'è el nostro mistier far zo i nostri paroni,

E gòder el bon tempo a spalle dei minchioni.

Son un poco vecchietta, ma ghe ne so assae più

De quel che mi podeva saver in zoventù.

Certo che posso dir d'averme devertio,

E circa el far l'amor, no ho gnancora fenio.

 



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License