Carlo Goldoni
Le massere

ATTO TERZO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

SCENA PRIMA

 

Strada.

Biasio vecchio in collaro; poi Zullian vecchio in giamberlucco, tabarro ecc.

 

ZULIAN:

Bondì sioria, sior Biasio.

BIASIO:

Ve saludo anca mi.

ZULIAN:

Cossa feu?

BIASIO:

Stago ben, e vu?

ZULIAN:

Cussì e cussì.

BIASIO:

No in maschera?

ZULIAN:

No; gh'ho un certo d'affar:

E in maschera in quel liogo no se ghe pol andar.

BIASIO:

E mi sarave in maschera, che saria più d'un'ora:

Ma Gnese no ha volesto. Giera troppo a bonora.

ZULIAN:

Chi xela mo sta Gnese? qualche vostra parente?

BIASIO:

No, la xe la mia serva. Una donna valente,

Che per el so paron se farave desfar,

Amorosa, paziente, che de tutto sa far;

E no credessi miga che la fusse avanzada:

La xe zovene e bella. Cussì me l'ho trovada.

ZULIAN:

Son vegnù tante volte da vu, no l'ho mai vista.

BIASIO:

Vedeu? la xe modesta. No la se mette in vista.

E po la gh'ha da far sempre, mattina e sera:

Ora la fa da cuoga, ora da cameriera,

Da donna de governo, da tutto la xe bona.

Cossa voleu de più? Ela xe la parona.

ZULIAN:

Anca mi ghe n'ho una che, per diana de dia,

Se i me dasse un tesoro no la baratteria.

Ela scuode, ela paga, ela fa alto e basso.

Mi magno, bevo e dormo; vago, se voggio, a spasso;

Ela me fa da mare, la me fa da sorella.

BIASIO:

Xela mo vecchia assae?

ZULIAN:

La xe zovene e bella.

BIASIO:

Anca la mia fa tutto. Lesta co fa una spada;

Quando che leva el sol, sempre la xe levada.

Presto la impizza el fogo, la vien dal so paron,

La varda, e se no dormo, la me averze el balcon.

La me scalda pulito le calze e la fanella,

La me porta el caffè, la lo beve anca ella.

Qualche volta magnemo el nostro panimbruo.

Oh, se ne trova poche de queste al d'ancuo!

ZULIAN:

Sentì la mia. Ogni volta, quando che a casa torno,

Incontra la me vien, sia de notte o de zorno.

La me chiappa per man, e po la me despoggia,

E la me senta al fogo. Mo no xela una zoggia?

BIASIO:

Gnese, co la me vede un poco incocalio,

La me dise: stè aliegro. Mo parlè, caro fio.

Se gh'ho qualcossa in testa, che me fa travaggiar,

Mo la me conta cosse che me fa sganassar.

ZULIAN:

Sentì la mia. La sera stemo nu soli al fogo,

Contemo delle fiabe, o femo qualche zogo.

La cusina i maroni ela co le so man,

Teneri co è el botirro, che i par de marzapan.

BIASIO:

Se sentissi le torte che fa la mia, m'impegno

No ghe xe le compagne. Mo che donna d'inzegno!

La le fa dolce dolce; de tutto la ghe mette,

E mi me devertisso a parecchiar le erbette.

ZULIAN:

Sentì, la mia giersera un polpetton l'ha fatto,

Che ve zuro da amigo, s'averia magnà el piatto.

E ela, poverazza, a tola co fa i fioli,

La me zerniva fora l'ua passa e i pignoli.

BIASIO:

Mi i pignoli li schizzo; vu come li magneu?

ZULIAN:

Mi li magno pulito.

BIASIO:

Quanti denti gh'aveu?

ZULIAN:

Cinque, tra sotto e sora.

BIASIO:

E mi no ghe n'ho più.

ZULIAN:

No gh'ho miga gnancora i anni che gh'avè vu.

BIASIO:

Quanti xeli, compare?

ZULIAN:

Mi ghe n'ho sulla schena..

Squasi cinquantacinque.

BIASIO:

Co quelli della nena.

ZULIAN:

Mi no me ne vôi sconder.

BIASIO:

Presto el conto ve fazzo.

Ve recordeu, compare, de quell'anno del giazzo?

ZULIAN:

Sì ben, me l'arecordo.

BIASIO:

No gierimo puteli.

ZULIAN:

Gierimo grandi e grossi.

BIASIO:

Fe el conto, quanti xeli?

ZULIAN:

Mi no vôi far sti conti. Stago ben, magno ben,

Me cavo qualche voggia, quando che la me vien.

Gh'ho dei anni, xe vero, ma tanto ben li porto,

Che no li sento gnanca. Xe vecchio chi xe morto.

BIASIO:

Anca mi son cussì. No sarà gnanca un mese,

Che i settanta ho fenio. No la lo crede Agnese;

La dise che ghe paro un omo de quaranta,

E sì la se n'intende, per quel che la se vanta.

ZULIAN:

Sentì la mia. La dise: Mo caro sior paron

(Co me fazzo la barba), mo come che el par bon.

El ciel lo benediga, el xe fresco e bello,

Rosso co fa una riosa, lesto co fa un putello.

BIASIO:

Ho paura, compare, che la ve burla un poco.

ZULIAN:

Sì ben! che la me burla! No son miga un aloco.

Caro compare Biasio, chi xe meggio de nu?

Mi no paro una spisima, come che parè vu.

BIASIO:

Sì ben, un bel fagotto vu tra carne e roba;

Ma no so se el sia grasso, o pur se la sia boba.

ZULIAN:

Sentì, savè, sior vecchio...

BIASIO:

Schiavo, sior zovenotto.

ZULIAN:

Se no fussimo in strada...

BIASIO:

Se me secchè, debotto...

ZULIAN:

Bondì sioria.

BIASIO:

Bon viazo. Stassera a vostre spese,

Quando che ghe la conto, fazzo rider Agnese.

ZULIAN:

Anca mi alla mia Chiara ghe la voggio contar.

BIASIO:

Semo vecchi, compare.

ZULIAN:

Vu bon da brusar.

BIASIO:

(Porto rispetto ai anni. Meggio è che vaga via).

ZULIAN:

(Vecchio senza giudizio).

Schiavo.

BIASIO:

Bondì sioria.

(Tutti e due vogliono partire.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License