Carlo Goldoni
Le massere

ATTO TERZO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Donna Rosega mascherata, e detti.

 

 

BIASIO:

(Che bella mascheretta!) (Da sé.)

ZULIAN:

(Chi mai xela custia?) (Da sé.)

BIASIO:

(La me par un bon cao).

ZULIAN:

(Se Biasio andasse via!)

ROSEGA:

(No se vede Anzoletto. L'aspetto ancora un poco).

BIASIO:

(Sior Zulian no va via).

ZULIAN:

(Cossa fa quell'aloco?)

ROSEGA:

(Sti do vecchi me varda. Gramazzi, no i pol più.

Oh che gran bella cossa che xe la zoventù!)

BIASIO:

Sior Zulian, cossa feu che no andè via de qua?

Sta maschera vardè? v'ala fursi incantà?

ZULIAN:

No ve rendo sti conti; voggio star, voggio andar.

Vu tendè ai fatti vostri; no ve ne stè a impazzar.

BIASIO:

Bravo, bravo, compare. E no volè che diga.

Voggio andar in sto ponto a dirghelo all'amiga.

ZULIAN:

Mi per mi vago via. Vu, paronzin, stè qua;

Ma da omo d'onor, che la lo saverà.

BIASIO:

Chi?

ZULIAN:

Gnese.

BIASIO:

No fe el matto, che per mi vago via.

(Gh'ho voggia de cognosserla). (Si ritira.)

ZULIAN:

(Mo chi mai xe custia?) (Si ritira.)

ROSEGA:

Patroni riveriti; alla fin i xe andai.

Come che i me vardava sti vecchi inspiritai.

O che caro Anzoletto! Nol se vede a vegnir.

Se trovasse qualcun, me vorria devertir.

BIASIO:

(Sior Zulian no gh'è più). (Da sé.)

ROSEGA:

(Sto vecchio l'è tornà)

BIASIO:

Patrona, siora maschera: sola? cossa se fa?

No la parla? La diga: cussì sola? perché?

Vorla restar servida a bever un caffè?

No, no la vol? pazienza. La senta, gh'ho dei anni;

Ma son un galantomo, né gh'ho adosso malanni.

Se la se vuol degnar, la servo onestamente.

La vegna via con mi; da ela no vôi gnente.

Con civiltà me basta star con ela un pochetto.

Me fala sta finezza?... Oh, siestu maledetto! (Vedendo Zulian.)

ZULIAN:

(Oh che furbo!) (Da sé.)

BIASIO:

(No voggio che el me fazza nasar).

Mascara, un'altra volta me vegnirè a trovar.

Adesso no gh'ho tempo, trattegnirme no posso.

Vago a far un negozio. Mascara, ve cognosso. (Si ritira.)

ROSEGA:

(Xelo matto costù?)

ZULIAN:

(Donca el sa chi la xe.

La me par sotto el volto un bocconcin da re). (Da sé.)

ROSEGA:

(Ve qua st'altro, per ).

ZULIAN:

Sola sola cussì?

Vorla che mi la serva?

ROSEGA:

(E tutti me vol mi).

ZULIAN:

Mi no fazzo per dir, ma de Biasio Cavezzi

Gh'ho manco anni adosso, e in scarsela più bezzi.

La servo, se la vol, de caffè e cioccolata.

Vorla vegnir con mi?

ROSEGA:

Ghe son ben obligata.

ZULIAN:

(La par una foresta). La prego, cara ella.

ROSEGA:

No da bon; la ringrazio.

ZULIAN:

(La me par molto bella).

No la vol favorir? La prego in cortesia,

Xela amiga de Biasio?

ROSEGA:

No so gnanca chi el sia.

ZULIAN:

De cognosserla certo almanco l'ha mostrà.

ROSEGA:

E sì nol me cognosse.

ZULIAN:

Che vecchio desgrazià!

Me cognossela mi?

ROSEGA:

Me par, e no me par.

ZULIAN:

Vorla vegnir con mi?

ROSEGA:

La prego a perdonar.

ZULIAN:

La senta, la perdona se me togo sto ardir,

Se la gh'avesse genio de andarse a devertir.

Fin che dura sti bezzi, cara patrona bella, (le mostra dei denari.)

Farò quel che la vuol; i xe tutti per ella.

ROSEGA:

(Questo me par più franco. Oh che caro vecchietto!

Squasi squasi anderia, se no vien Anzoletto). (Da sé.)

ZULIAN:

Via, cara mascaretta, se ben son in età,

Son omo de bon gusto... (Pustu esser coppà). (Vedendo Biasio.)

BIASIO:

(El s'ha taccà, el baron).

ZULIAN:

(Vaghio? restio? no so). (Da sé.)

BIASIO:

(No ghe la vôi lassar).

ROSEGA:

(Veli qua tutti do).

BIASIO:

Sior Zulian, me rallegro.

ZULIAN:

Sior sì, anca mi con ella.

BIASIO:

Ve devertì, nevvero, co sta maschera bella?

ZULIAN:

Sior sì, cossa ve diol?

BIASIO:

La cognosseu?

ZULIAN:

Che scuro!

BIASIO:

Donca la cognossè.

ZULIAN:

La cognosso seguro.

BIASIO:

Via, chi xela?

ZULIAN:

Lo so; v'ha da bastar cussì.

BIASIO:

No savè chi la sia. La cognosso ben mi.

Nevvero, mascheretta? (Donna Rosega fa cenno di no.)

ZULIAN:

Vedeu? de no la dise.

BIASIO:

(Mo che grazia, che vezzo!)

ZULIAN:

(Mo che care raise!)

BIASIO:

Disè la verità, gh'aveu nome Anzoletta?

ZULIAN:

No, nevvero? fia mia, gh'aveu nome Pasquetta?

Gnanca?

BIASIO:

Siora Marietta, o siora Nicolina?

ZULIAN:

Oibò! siora Lucietta?... zitto, siora Tonina?

ROSEGA:

Nissun no me cognosse.

BIASIO:

Descoverzive a mi.

ROSEGA:

O a tutti do, o a nissun.

ZULIAN:

Ve contenteu cussì? (A Biasio.)

BIASIO:

Sì ben, da boni amici; nissun se n'abbia a mal.

Anderemo daccordo, za xe de carneval.

ZULIAN:

Cara, descoverzive.

BIASIO:

Desmaschereve tutta.

ROSEGA:

Sì ben, vôi contentarve. (Si smaschera.)

ZULIAN:

Oh co vecchia!

BIASIO:

Oh co brutta!

ROSEGA:

Son qua, do galantomeni za tutti do ve credo.

BIASIO:

Servive, sior Zulian.

ZULIAN:

Sior Biasio, ve la cedo.

ROSEGA:

Vegnì qua, uno per man. Andemo in compagnia:

Ve farò tutti uguali; non abbiè zelusia.

BIASIO:

Tornerò adessadesso, gh'ho un pochetto da far.

ZULIAN:

In compagnia con donne, solo no voggio andar.

ROSEGA:

E cussì, cossa femio? son qua, no ve refudo.

BIASIO:

Maschera, ve son servo. (Parte.)

ZULIAN:

Maschera, ve saludo. (Parte.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License