Carlo Goldoni
Le massere

ATTO TERZO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Sior Raimondo e donna Rosega.

 

RAIMONDO:

Rósica, siete voi?

ROSEGA:

Sentì che bella usanza!

Quando che se xe in maschera, se parla con creanza.

RAIMONDO:

Dite, sapete nulla se Dorotea sia andata?

ROSEGA:

No so gnente. (Con sdegno.)

RAIMONDO:

Ma via, non fate la sdegnata.

ROSEGA:

Se xe vero... vardè! par che se sia villani.

Rósica! che parlar proprio da scalzacani!

RAIMONDO:

(Or or mi vien la rabbia). (Da sé.)

ROSEGA:

Malignazo!

RAIMONDO:

E cussì?

ROSEGA:

L'ha mandà l'imbassada.

RAIMONDO:

Quando?

ROSEGA:

Vegnì con mi.

RAIMONDO:

Dove?

ROSEGA:

Vegnì con mi. Stè sulla mia parola.

RAIMONDO:

Eccomi, son con voi.

ROSEGA:

(Cussì no vago sola).

RAIMONDO:

Lo sa che vengo anch'io?

ROSEGA:

Mo via, no me man?

RAIMONDO:

Potete andar innanzi; vi seguirò pian pian.

ROSEGA:

No se degna el paron de vegnir via con mi?

Co le serve i paroni tutti no fa cussì.

Tanti ghe n'ho servio, e tutti in verità

Per mi, no sta a mi a dirlo, i ha abuo della bontà.

Tutti almanco i me dava delle parole bone;

Ho fatto tante volte suspirar le parone.

RAIMONDO:

Ma non perdiamo il tempo.

ROSEGA:

De diana! seu in tel fuogo?

No, se no me man, no andemo in nissun liogo.

RAIMONDO:

(Che sofferenza!) Andiamo. (Le la mano.)

ROSEGA:

No stemio ben cussì?

Col cavalier servente voggio andar anca mi. (Partono.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License