Carlo Goldoni
Le massere

ATTO TERZO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Gnese in maschera; poi Anzoletto.

 

GNESE:

Cossa mai vorrà dir, che no vien Anzoletto?

Sola co fa una matta, xe un'ora che l'aspetto.

Figureve sior Biasio, quando che torno a casa!

Ghe farò do scamoffie, e farò ben che el tasa.

E po, basta che diga de volerlo lassar;

Subito, se el xe in collera, el fazzo pasentar.

ANZOLETTO:

Giusto vu ve cercava.

GNESE:

Vardè che bel sesto!

Farme aspettar un'ora. Gh'avè rason... da resto,

Gnanca no vegnirave.

ANZOLETTO:

Ve dirò, cara fia,

Me piase devertirme, me piase l'allegria,

Ma prima no tralasso de far i fatti mi.

GNESE:

Eh via, che colle donne no se tratta cussì.

Donca anca mi doveva, per sta istessa rason,

No vegnir via de casa senza dirlo al paron.

Ma perché ve vôi ben, perché m'avè invidà

Son vegnua via corando, e la casa ho impiantà.

ANZOLETTO:

Cossa dirà sior Biasio?

GNESE:

Che el diga quel ch'el vol.

Za el xe vecchio, gramazzo. Poco viver el pol.

Per sie anni gh'ho fatto una servitù granda;

Ho fatto el fatto mio: gh'ho qualcossa da banda.

Sperava che el morisse, ma se nol vol morir,

Son stufa de sta vita, me voggio devertir.

ANZOLETTO:

Poverazzo! piuttosto domandeghe licenza.

GNESE:

Mi no ghe la domando, fina che el gh'ha pazienza.

Ogni qualcossetta procuro pelucar.

Sentì, se capitasse, me vorria maridar.

ANZOLETTO:

Oh, ve capiterà.

GNESE:

Gh'ho un bon capitaletto.

Vu no ve maridè? disè, sior Anzoletto?

ANZOLETTO:

Mi, fia mia, ve dirò, me vorria maridar;

Ma gh'ho paura assae, no vorave fallar.

GNESE:

Sentì; nissun ne sente. No so se diga mal.

Basta, se devertimo; za xe de carneval.

Xe vero che ho servio; ma perché son restada

Sotto de una maregna, e giera maltrattada.

De resto siora mare m'avaria maridà

Con uno da par mio.

ANZOLETTO:

Via, via, questo se sa.

No perdemo più tempo.

GNESE:

Sentì. Per quel che sia...

No so se me capì, mo per diana de dia,

No ghnissun che possa dir d'averme toccà

Gnanca un deo d'una man.

ANZOLETTO:

Brava.

GNESE:

No, in verità.

ANZOLETTO:

E sì mo se diseva, che col ghe giera...

GNESE:

Ve dirò, qualche volta ghe fava bona ciera.

Voleu saver perché? col cuor in man ve parlo.

El xe vecchio, el xe matto; lo fava per pelarlo.

Adesso l'ho pelà; no ghe ne penso più.

E se volè, le penne le spartirò con vu.

ANZOLETTO:

Me piase, putta cara, sti vostri sentimenti;

No vorria colle penne spartir anca i tormenti.

GNESE:

Ve chiamarè contento, se me tenderè a mi.

ANZOLETTO:

(Oh poveri paroni! le li serve cussì). (Da sé.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License