Carlo Goldoni
Le massere

ATTO TERZO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Zanetta e detti.

 

ZANETTA:

(Vôi ben véder se el trovo). (Da sé.)

GNESE:

Chi xe sta mascheretta?

ZANETTA:

(Per diana che el xe qua).

ANZOLETTO:

Seu vu, siora Zanetta?

ZANETTA:

Sior sì, son mi, patron; cussì ve fe aspettar?

ANZOLETTO:

Vegniva in sto momento.

ZANETTA:

Andeve a far squartar.

GNESE:

Caspita, la ghe fuma!

ZANETTA:

Chi ela culìa? (A Anzoletto.)

GNESE:

Adasio.

Cossa xe sta culìa?

ANZOLETTO:

La serva de sior Biasio.

GNESE:

Mi no son la so serva. Son la so cameriera.

ZANETTA:

No soggio chi la xe? un tocco de massera.

GNESE:

E vu, siora, chi seu?

ZANETTA:

No me cognossè pi?

Mi servo una lustrissima.

GNESE:

Massera co fa mi.

ANZOLETTO:

Putte, quieteve un poco. Per carità, tasè.

Donzelle, cameriere, tutto quel che volè.

Andemo a devertirse, staremo in compagnia.

GNESE:

Mi no vôi altre donne.

ZANETTA:

No vegno con culìa.

ANZOLETTO:

Giusteve tra vualtre; mi cossa far no so.

O andemo, o adessadesso ve impianto tutte do.

GNESE:

No me n'importa un figo.

ZANETTA:

Gnanca mi una patacca.

GNESE:

No ghe ne penso un ette.

ZANETTA:

No ghe ne penso un acca.

ANZOLETTO:

Voleu vegnir? (A Zanetta.)

ZANETTA:

Sior no.

ANZOLETTO:

E vu? (A Gnese.)

GNESE:

Grazie, patron.

ANZOLETTO:

Patrone riverite, ghe fazzo un repeton. (Parte.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License