Carlo Goldoni
Le massere

ATTO TERZO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Biasio, Zulian e dette.

 

BIASIO:

La xe una cossa granda. Mai più la me l'ha fatta.

Ho paura che Gnese sia deventada matta.

ZULIAN:

La mia no ghpericolo che la fazza cussì.

No la va in nissun liogo, se no ghe 'l digo mi.

BIASIO:

Anca la mia xe stada...

ZULIAN:

Vardè do mascarette.

BIASIO:

Quella me par Agnese.

ZULIAN:

Giusto in te le scarpette. (Ironico.)

GNESE:

(Credo che el me cognossa).

ZANETTA:

(Mo se mascherada).

GNESE:

(Zitto, se el me cognosse, ghe fazzo una bulada).

BIASIO:

Mi la me par...

ZULIAN:

Eh via.

BIASIO:

La xe, da galantomo.

ZULIAN:

Oe, le xe do, compare: provemo una per omo.

Basta che no le sia vecchie co giera quella.

BIASIO:

Una la me par Gnese.

ZULIAN:

L'altra la me par bella.

BIASIO:

Siora maschera cara, me par e no me par. (A Gnese.)

GNESE:

Bravo, cussì me piase. V'ho volesto provar.

Le donne no se varda se le sia belle o brutte;

Se va drio delle maschere, se del naso a tutte.

BIASIO:

Ma se v'ho cognossù!

GNESE:

No credo, un busiaro.

Andemo via de qua.

ZULIAN:

Forti, sior Biasio caro.

BIASIO:

E vu fora de casa vegnir senza de mi?

GNESE:

Son vegnua per trovarve.

BIASIO:

Per amor mio?

GNESE:

Sior sì.

BIASIO:

Sentìu? cossa diseu? (A Zulian.)

ZULIAN:

Digo che la xe scaltra.

BIASIO:

No, no, la xe sincera.

ZULIAN:

E chi xe mo quest'altra?

ZANETTA:

Mi son una so amiga, che sempre insieme andemo.

GNESE:

(Brava, Zanetta, brava). (Piano a Zanetta.)

ZANETTA:

(Tra de nu se agiutemo). (Piano a Gnese.)

BIASIO:

Dove voleu andar? (A Gnese.)

GNESE:

Mi de andar no me preme.

ZULIAN:

Femo cussì, sior Biasio: andemo tutti insieme.

BIASIO:

Andemo, se volè. Gnese, cossa diseu?

GNESE:

Mi son col mio paron.

ZULIAN:

Maschera, ve degneu? (A Zanetta.)

ZANETTA:

Perché no? se la vol, le so finezze accetto.

(Se el xe vecchio, n'importa, lo fazzo per despetto).

BIASIO:

Dove voleu che andemo?

GNESE:

Disè vu, mascheretta. (A Zanetta.)

ZANETTA:

(Voggio menarli dove Meneghina m'aspetta). (Da sé.)

Vegnì con mi, patroni. Sarò la condottiera.

ZULIAN:

Ma! no se poderave véderve un poco in ciera?

ZANETTA:

gh'alo paura, che sia una qualche arpia?

Che el varda; me cognosselo?

ZULIAN:

(Sior Biasio. Oh vita mia!)

BIASIO:

Me despiase che semo cussì senza bautta.

GNESE:

N'importa, sior paron. (Se el la savesse tutta!)

ZANETTA:

Andemo. I galantomeni no i fa cosse in scondon.

(Quando no gh'è de meggio, anca un vecchio xe bon). (Parte.)

ZULIAN:

Chi mai l'avesse dito! Mo cossa che ho trovà!

Co sto boccon de anni! Mo son ben fortunà. (Parte.)

GNESE:

Andemo, sior paron, la xe la mia zornada.

(Co a tempo! co pulita che ghe l'ho ben piantada!)

BIASIO:

Se pol dormir seguri drento delle so porte,

Quando che se gh'ha in casa massere de sta sorte.

 



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License