Carlo Goldoni
Le massere

ATTO QUARTO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Camera di quel del caffè.

Meneghina in maschera, e Momolo in maschera.

 

MENEGHINA:

Le m'ha lassà qua sola, co fa una mamalucca.

MOMOLO:

No songio mi con vu?

MENEGHINA:

Che stropolo de zucca!

MOMOLO:

Vardè che bel suggetto! Ve liccaressi i dei.

MENEGHINA:

No son un bel soggetto; ma no voggio putei.

MOMOLO:

Putelo come son, son ben visto da tante.

Me despiase dasseno, che no ghe sia el Zigante.

MENEGHINA:

Povero sporco!

MOMOLO:

Via, che bisogno ghe xe?

Son zovene capace de pagarve el caffè.

MENEGHINA:

Xe un'ora che qua, e aspettè adesso a dirlo?

Beverlo se podeva e anca digerirlo.

MOMOLO:

Vardava se i vegniva. Oe, caffè, una fugazza.

Lassè che varda prima, se gh'ho bezzi che fazza.

MENEGHINA:

Oh che caro minchion! la sarave, ben bella,

Che in maschera vegnissi senza bezzi in scarsella!

MOMOLO:

Basteralo un daotto?

MENEGHINA:

Eh! no i fa, no, no i fa.

MOMOLO:

Donca li metto via.

MENEGHINA:

Lassè véder. qua.

MOMOLO:

Contèli, se i xe giusti.

MENEGHINA:

Li togo per contai.

Questi li metto via, per tanti sparagnai.

MOMOLO:

Dèmeli, siora.

MENEGHINA:

Oh caro! No i spendevi per mi?

Me li ho messi in scarsella. Gh'ho più gusto cussì.

MOMOLO:

Che drettona che !

MENEGHINA:

Li voleu? aspetteli.

MOMOLO:

Co se tratta de bezzi, ve piase anca i puteli.

MENEGHINA:

Eh via, che no ve bado.

MOMOLO:

El mio daotto, siora.

MENEGHINA:

Oh, vien sior Anzoletto. I altri no i vien gnancora?

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License