Carlo Goldoni
Le massere

ATTO QUINTO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO QUINTO

SCENA PRIMA

 

Camera d'osteria.

Zanetta, Meneghina, Gnese e donna Rosega.

 

ROSEGA:

Putte, vegnì con mi, che riderè da bon.

Voggio certo che femo sta burla al mio paron.

ZANETTA:

Tocca a ti, Meneghina.

MENEGHINA:

No vôi qualche desgrazia.

No ghe ne vôi saver.

ROSEGA:

Tasi , mala grazia.

Fa quel che digo mi, e no te indubitar.

Quando vien sior Raimondo, tornete a inmascherar.

Sta sulle toe un pochetto, e po cussì e cussì;

No te indubitar gnente, làsseme far a mi.

MENEGHINA:

Se parlo, el se ne accorze. Avémio da star muti?

ROSEGA:

Làsseme far a mi, che parlerò per tuti.

GNESE:

Donna Rosega certo xe donna da repieghi.

ROSEGA:

Co s'ha da far qualcossa, no ghe vol tanti preghi.

ZANETTA:

Ma dov'è sior Raimondo? El ne xe vegnù drio

Un pezzetto alla larga, e po el ne xe spario.

ROSEGA:

El s'ha tirà in bottega dal spicier da confetti.

Oe senti, Meneghina, se el te fa regaletti,

Avemo da spartir.

MENEGHINA:

Mi lasso che fe vu.

ZANETTA:

Sì, no te indubitar, che spartiremo nu.

GNESE:

Salo che semo qua?

ROSEGA:

Gh'ho dito le parole;

Gh'ho dito de avvisarlo, quando che semo sole.

Ho mandà el camerier, adesso el vegnirà.

Stemo qua tra nualtre, aspettemolo qua.

ZANETTA:

Cossa dirà quei altri?

ROSEGA:

I do vecchi xe al fuogo.

Anzoletto è da basso, che descorre col cuogo.

MENEGHINA:

E el forner?

ROSEGA:

El forner l'ho visto dai balconi

Che el xe in mezzo alla strada, a zogar coi baroni.

GNESE:

Adessadesso qua i do vecchi m'aspetto.

ROSEGA:

No i vegnirà, gh'ho dito che femo un servizietto.

MENEGHINA:

E a casa quando andemo?

ROSEGA:

Anderemo stassera;

Che se godemo almanco una zornada intiera.

ZANETTA:

Disè, dopo disnar dove voleu che andemo?

ROSEGA:

Voggio che stemo qua, e voggio che ballemo.

GNESE:

Tutto el all'ostaria?

MENEGHINA:

Voggio andar ai casotti.

ROSEGA:

Mi no me piase i piavoli, me piase i zovenotti.

ZANETTA:

Co che son balleremio?

ROSEGA:

I orbi vegnirà.

GNESE:

Sior Biasio sa sonar; fursi el ne sonerà.

ROSEGA:

Staremo allegramente; me voggio sbabazzar.

Putte, me sento in gringola. Che salti che vôi far!

ZANETTA:

E viva! Nu godemo, e le parone a casa.

ROSEGA:

Per sta volta dasseno bisogna che le tasa.

MENEGHINA:

Perché son vegnua in maschera, la mia m'ha licenzià.

ROSEGA:

Mi, mi, te troverò.

MENEGHINA:

Eh no no, che ho trovà.

ZANETTA:

Ti ha trovà cussì presto? Ti xe stada valente.

MENEGHINA:

Oh, a mi no me ne manca. (Zanetta no sa gnente).

ZANETTA:

Mi co la mia ghe stago st'inverno per le spese,

E po sta primavera vôi tornar al paese.

GNESE:

E mi a servir quel vecchio me vien malinconia;

Se trovo da logarme, subito vago via.

ROSEGA:

Mi scambio volentiera, sempre, per ordenario,

Se trovo che i me cressa sie soldi de salario.

MENEGHINA:

E pur gh'è delle case, che se ghe chiappa amor.

ZANETTA:

Co ghel nostro interesse, se fa con più bon cuor.

Quelle che gh'ha dei utili, se le ghe sta, le invidio;

Ma mi gh'ho una parona, che no me un sussidio.

ROSEGA:

La mia la xe, per diana, suttila co fa l'oggio,

Ma l'ha da far co mi; co ghe n'è, ghe ne voggio.

E po co gh'ho bisogno, vago dal mio paron,

E a lu sempre ghe beccolo qualche tràiro in scondon.

GNESE:

Mi no dirò de esser tanto desfortunada;

M'ho fatto della roba, ma me l'ho vadagnada.

Servir un vecchio matto! Saverlo contentar!

Mi no ve digo gnente, se ho avù el mio bel da far.

MENEGHINA:

A mi, dove che giera, m'ha toccà sta fortuna.

Anca de carneval squasi ogni se zuna.

Co la m'ha licenzià, ho alzà le man al cielo;

Me despiase per altro che el paron giera belo.

ROSEGA:

Gnanca el mio no xe brutto, e po el xe ricconazzo.

El gh'ha quella muggier: che peccà, poverazzo

Sempre la lo tormenta; infina co i xe a tola.

La mor da zelusia. La vorave esser sola.

L'ha paura che tutti ghe magna so mario;

Quando che son con elo, sempre la me vien drio.

ZANETTA:

La mia mo, all'incontrario, del mario no ghe preme.

Quando el vien a Venezia, gnanca no i dorme insieme.

Tutti fa per le soe; no i se fa complimenti.

I xe, co se sol dir, più amici che parenti.

ROSEGA:

Zitto, vien sior Raimondo. Presto, via, Meneghina.

Mettite el volto.

MENEGHINA:

E po?

ROSEGA:

Mi te starò vesina.

ZANETTA:

T'agiuterò anca mi.

ROSEGA:

Sta dretta colla schena.

GNESE:

E mi starò da banda a gòderme la scena. (Indietro, e siede.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License