Carlo Goldoni
Le massere

ATTO QUINTO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Sior Raimondo e dette.

 

RAIMONDO:

Posso venir?

ROSEGA:

La vegna.

RAIMONDO:

Servitor riverente. (A Meneghina.)

ROSEGA:

Faghe una reverenza. (A Meneghina.)

Oe, gh'aveu portà gnente? (A Raimondo.

RAIMONDO:

(Ho comprati dei dolci. Glieli ho da dar così?) (A Rosega.)

ROSEGA:

Sì, senza cerimonie. Consegnemeli a mi. (A Raimondo.)

RAIMONDO:

Tenete.

ROSEGA:

Oh, oh, la varda, lustrissima patrona, (A Meneghina.)

Quante galantarie; el patron ghe le dona.

RAIMONDO:

Compatite, signora, s'ella in mio nome ardisce...

ROSEGA:

La toga sti confetti. (A Meneghina.) Vedeu se la gradisce? (A Raimondo.)

Ne ne dala, lustrissima, un pochetti anca a nu? (A Meneghina.)

Tiò sti quattro, Zanetta. Gnese, tolè anca vu. (A Gnese che si alza.)

Sto resto i metto via. Oh che roba preziosa!

ZANETTA:

(Più de mezzi per ela). (A Gnese.)

GNESE:

(Che vecchiazza golosa!) (Torna al suo posto.)

ROSEGA:

(Magna). (Piano a Meneghina.)

RAIMONDO:

(Non dice niente. Ella mi guarda appena). (A donna Rosega.)

ROSEGA:

(Coss'ala da parlar? la gh'ha la bocca piena). (A Raimondo.)

RAIMONDO:

(L'anello non l'ha in dito?) (A Zanetta.)

ZANETTA:

(El gh'è un poco larghetto;

La ghe l'ha all'orese, che el lo strenza un pochetto). (A Raimondo.)

ROSEGA:

(Vaghe un pochetto arente). (Piano a Meneghina.)

MENEGHINA:

(Mi no). (Piano a Rosegha.)

ROSEGA:

(Ti xe pur gnocca)

RAIMONDO:

Non parlate, signora?

ROSEGA:

I gh'ha cusìo la bocca.

RAIMONDO:

Sdegnate forse avermi in vostra compagnia?

ROSEGA:

(Pàrleghe sotto ose). (Piano a Meneghina.)

MENEGHINA:

(Debotto scampo via).

RAIMONDO:

Che dice?

ROSEGA:

La vorave... via, no la se vergogna. (A Meneghina.)

La vaga in quella camera. Se va, quando bisogna.

RAIMONDO:

Parli, le occorre nulla?

ROSEGA:

Che caro sior patron!

El vorria compagnarla. No la vol suggizion.

(Saludilo, e va via).

MENEGHINA:

(fa una riverenza a Raimondo.)

RAIMONDO:

Quant'è graziosa e vaga! (Salutandola.)

MENEGHINA:

(No so quel che me fazza).

ROSEGA:

Se la vol, che la vaga.

Putte, via, compagnela; no la lassè andar sola;

Intanto al mio paron ghe dirò una parola.

ZANETTA:

Andemo pur, lustrissima. (A Meneghina.)

ROSEGA:

Andè, fin che i parecchia.

ZANETTA:

Mo la xe una gran furba! (Parte con Meneghina.)

GNESE:

Mo la xe una gran vecchia! (Parte.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License