Carlo Goldoni
Le massere

ATTO QUINTO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

 

ROSEGA:

La gh'ha del spiritazzo, ma po la se confonde.

RAIMONDO:

Io non so che mi dire. Le parlo, e non risponde.

Quasi quasi direi...

ROSEGA:

Cossa?

RAIMONDO:

Non mi par quella.

ROSEGA:

Co la vederè in viso, saverè se l'è ella.

E po, me maraveggio: songio capace mi

De burlar el paron?

RAIMONDO:

No, non dico così;

Ma son poco contento.

ROSEGA:

Compatirla bisogna.

Poverazza, la gh'ha un poco de vergogna.

Ghe despiase de esser trovada all'ostaria

Co nualtre; gh'ha piasso la nostra compagnia.

Dei vecchi, de Anzoletto, no la gh'ha suggizion;

Ghe despiase de vu; sì, da quella che son.

RAIMONDO:

Dunque me n'anderò.

ROSEGA:

Mo sior no, restè qua.

Ma se vegnì a tola, ela no magnerà.

Sentì, fe a modo mio. Andè un poco a zirar.

Verso el fin della tola ne vegnirè a trovar.

La vederè scoverta; la troverè sentada.

Passà quel primo incontro, la sarà comodada.

RAIMONDO:

Bene, così farò. Vado, e ritorno or ora.

ROSEGA:

No vegnì cussì presto. Aspettè almanco un'ora.

RAIMONDO:

Un'ora aspetterò.

ROSEGA:

Ve chiamerè contento.

RAIMONDO:

Voglio, se posso almeno, dirle il mio sentimento.

ROSEGA:

Oe, digo, sior patron; saveu che, un bianco e un brun,

All'ostaria se paga ancuo tanto per un?

RAIMONDO:

Io non mangio.

ROSEGA:

Xe vero; ma se i me taggia in fete,

Bezzi mi no ghe n'ho.

RAIMONDO:

Ho capito, tenete.

ROSEGA:

Grazie. Ma no saràvela una finezza bella

A siora Dorotea, se paghessi per ella?

RAIMONDO:

Perché no? Lo sapete, quando sono impegnato,

A spendere non guardo. Ecco un altro ducato.

ROSEGA:

Bravo, co se vol ben! bezzi no se sparagna.

(De sti do ducateli culìe no me ne magna). (Da sé.)

RAIMONDO:

Vado dunque, e frattanto a consolar le doglie

Andrò della patetica gelosissima moglie. (Parte.)

ROSEGA:

Ho chiappà do ducati. Co tornerà el paron,

Per sconder Meneghina troverò un'invenzion.

No la sarà più quella, la sarà andada via.

Basta, no m'ho in ste cosse mai perso in vita mia.

No xe da dir che so quel che so per l'età,

Che el diavolo xe vecchio, per questo el ghe ne sa.

Me diseva mia mare: ti gh'ha una testolina!

Saveva quel che so, che giera fantolina. (Parte.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License