Carlo Goldoni
Le massere

ATTO QUINTO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Dorotea e detti.

 

DOROTEA:

Oh, la xe a tola? A st'ora? me despiase dasseno.

COSTANZA:

Ghe dirò, disno tardi, e la sera no ceno.

Che la resta servida. La se senta un tantin.

DOROTEA:

Son qua, siora Costanza, gh'ho portà el so zecchin;

La ringrazio, e se posso, anca ela la comanda.

COSTANZA:

Patrona; i complimenti lassémoli da banda.

No la se n'ha servìo?

DOROTEA:

Siora sì, in verità.

Oe, con quel so zecchin vinti ghe n'ho chiappà;

E se saveva far, ghe ne chiappava cento.

COSTANZA:

Bisogna contentarse.

DOROTEA:

Oh, mi no me contento.

Xe andà via el taggiador; per questo ho lassà star.

Se el seguitava el taggio, lo voleva sbancar.

COSTANZA:

Cara siora, col zogo bisogna andar bel bello...

DOROTEA:

No parlemo de questo. Parlemo dell'anello.

Mel dala sì o no?

COSTANZA:

Sala gnancora gnente,

Chi ghe l'abbia vendù?

DOROTEA:

Zanetta, sta insolente,

Xe ancora via; chi sa quando la torna a casa?

COSTANZA:

(No ti mel cucchi certo co sta to bella rasa). (Da sé.)

DOROTEA:

Doman lo saveremo. A mi no la me crede:

Credo de meritar un pochettin de fede.

No son donna capace de laorar d'inzegno.

Ghe lasso, se la vol, diese zecchini in pegno.

COSTANZA:

Mo da ancuo a domattina, che premura ghe xe?

DOROTEA:

Me premeria d'averlo, anca mi so el perché.

COSTANZA:

(La gh'ha troppa premura, me par de véder scuro). (Da sé.)

DOROTEA:

(Se se trova el patron, mi lo perdo seguro). (Da sé.)

COSTANZA:

Ala disnà?

DOROTEA:

Mi no. Zanetta è andada via;

Gnanca cenere calda no credo che ghe sia.

COSTANZA:

Vorla restar servida?

DOROTEA:

De sto anello parlemo.

COSTANZA:

La magna un bocconcin, che po discorreremo.

Via, deghe una possada: portèghe un tovaggiol.

DOROTEA:

(Veramente gh'ho fame). (Da sé.)

COSTANZA:

La magna, se la vol.

DOROTEA:

Via, per no refudar, magnerò un bocconcin.

Ma son de poco pasto. Gh'oggio el so zecchin?

COSTANZA:

Oh sì, la me l'ha .

DOROTEA:

O caro quel cavallo! (Mangiando.)

El me l'ha sie volte. Co lo metto, no fallo.

Oh che bona menestra!

COSTANZA:

(La se porta pulito!) (Da sé.)

DOROTEA:

E ela no la ? (Mangiando bene.)

COSTANZA:

No gh'ho troppo appetito.

DOROTEA:

Bon sto piatto, dasseno.

COSTANZA:

Ho gusto che el ghe piasa.

DOROTEA:

Cussì torno a Redutto, senza tornar a casa.

COSTANZA:

(A véderla a magnar, me vien voggia anca mi.

Quanto che pagaria poder magnar cussì). (Da sé.)

DOROTEA:

Da béver.

TITTA:

Vorla piccolo? o vorla...

DOROTEA:

Grosso, grosso.

Voggio andar a Redutto con del calor adosso.

COSTANZA:

aliegra, e no ghe xe vostro mario con vu?

DOROTEA:

Cossa m'importa a mi, se nol tornasse più?

Za ogni settimana gl'ho lettere alla Posta;

Quando che gh'ho dei bezzi, stago ben da mia posta.

COSTANZA:

No, siora Dorotea, no, la me creda a mi,

No l'è cossa ben fatta; no la va ben cussì.

Se per i so interessi qua el mario no pol star,

Ha la muggier per questo da farse criticar?

La perdona, se parlo cussì col cuor averto;

Chi stima so mario, cussì no vive certo.

E chi no stima el soo, pol dar da sospettar,

Che quelli delle altre ghe piasa praticar.

DOROTEA:

Cara siora Costanza, sempre tornemo qua.

La me fa revoltar quel poco che ho magnà.

Chi crédela che sia? Le femmene onorate

No se tratta cussì.

COSTANZA:

Titta, vardè che i bate.

DOROTEA:

Alfin son cognossuda.

COSTANZA:

Via, no parlemo più.

TITTA:

Xe qua, siora patrona...

DOROTEA:

Da béver, caro vu.

TITTA:

Subito. Xe el patron. (Va a prendere da bevere.)

COSTANZA:

(Se saverà cussì...) (Da sé.)

Séntela? mio mario.

DOROTEA:

Cossa m'importa a mi?

qua, dèmelo pien.

COSTANZA:

(Alfin le se sa tute). (Da sé.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License