Carlo Goldoni
Le massere

ATTO QUINTO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Raimondo e dette.

 

COSTANZA:

Ben venuto.

RAIMONDO:

(Che vedo!) (Da sé, osservando Dorotea.)

DOROTEA:

Bevo alla so salute. (A Raimondo.)

RAIMONDO:

Voi qui? (A Dorotea.)

DOROTEA:

Per grazia soa... (Accennando Costanza.)

RAIMONDO:

(Credo ancor di sognar). (Da sé.)

COSTANZA:

(Cossste maraveggie? Prencipio a sospettar). (Da sé.)

RAIMONDO:

(M'han schernito le indegne. Or mi vendicherò). (Da sé, in atto di partire.)

COSTANZA:

Dov'andeu cussì presto?

RAIMONDO:

Deggio partir.

COSTANZA:

Sior no,

Non avè d'andar via, se avè reputazion.

Qua se tratta de assae. La me diga, patron,

Senza scaldarse el sangue, dove xe quell'anelo,

Che la gh'aveva gieri in tel deo menuelo?

RAIMONDO:

L'ho perduto.

DOROTEA:

Sentìu? (A Costanza.)

COSTANZA:

Caro sior, la perdona.

L'averavelo forse regalà a sta patrona?

RAIMONDO:

Io?

COSTANZA:

(El se confonde) (Da sé.)

DOROTEA:

La cossa è netta e schietta;

L'ho comprà sta mattina. Gh'ho i bezzi a Zanetta.

RAIMONDO:

A Zanetta? (A Dorotea.)

DOROTEA:

Sior sì.

COSTANZA:

Chi voleu che vel creda?

Questo qua xe el so anello. (A Dorotea.)

RAIMONDO:

Lasciate che io lo veda. (A Costanza.)

COSTANZA:

Xelo questo?

RAIMONDO:

È cotesto.

DOROTEA:

L'è quel che mi ho comprà

Dalle man de Zanetta. Tre zecchini gh'ho da.

RAIMONDO:

Tre zecchini? (A Dorotea.)

DOROTEA:

Sior sì.

RAIMONDO:

Ne val dodici e più. (A Dorotea.)

COSTANZA:

La lo gh'aveva in deo, e mi l'ho cognossù. (A Raimondo.)

DOROTEA:

Basta, mi no so gnente. L'anello è mio de mi;

Colle donne onorate no se tratta cussì.

RAIMONDO:

Zitto. L'anello è suo. (A Costanza.)

COSTANZA:

Ghe l'averè donà.

DOROTEA:

Mi no togo regali.

RAIMONDO:

(Che diavolo sarà?) (Da sé.)

COSTANZA:

Se un omo de onor, la verità disè.

DOROTEA:

Se un omo de garbo, in fazza soa parlè.

RAIMONDO:

Se per questa signora ho avuto qualche stima,

Moglie mia, compatite.

COSTANZA:

Via; no la xe la prima.

DOROTEA:

E cussì? (A Raimondo.)

RAIMONDO:

E così, della mia stima in segno,

Dandovi quell'anello...

DOROTEA:

Come! un omo indegno.

Colle donne onorate v'insegnerò a trattar.

Stamattina Zanetta me l'è vegnù a mostrar;

Tre zecchini gh'ho ; l'ho dito, e el torno a :

Voggio l'anello indrio, se credo de morir.

RAIMONDO:

(Che confusione è questa?) (Da sé.)

COSTANZA:

Ve perdeu de coraggio? (A Raimondo.)

RAIMONDO:

(Che la massera m'abbia...)

COSTANZA:

Via, respondeghe.

RAIMONDO:

Adaggio. (A Costanza.)

Sapete ove si trovi la vostra serva? (A Dorotea.)

DOROTEA:

No.

RAIMONDO:

Ah maladetta serva! Or la ritroverò.

COSTANZA:

Cossa v'importa a vu?...

RAIMONDO:

Moltissimo mi preme

Signora Dorotea, ritroviamola insieme...

COSTANZA:

Come? voressi andar con ela in compagnia?

RAIMONDO:

Deh venite ancor voi, cara consorte mia.

COSTANZA:

Certo che vegnirò.

RAIMONDO:

Sentirete, m'impegno,

Un terribile caso.

COSTANZA:

Vago a vestirme, e vegno. (Parte.)

RAIMONDO:

Signora, perdonate... Non so che dir. Venite.

DOROTEA:

Se no i me l'anello, vôi che femo una lite.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License