Carlo Goldoni
La mascherata

ATTO PRIMO

SCENA UNDICESIMA   Lucrezia, servita da Leandro; Beltrame e Vittoria

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Lucrezia, servita da Leandro; Beltrame e Vittoria

 

LUCR.

Di grazia, perdonate.

VITT.

Anzi voi mi onorate.

LEAN.

Io sono a parte

Di vostra cortesia.

VITT.

Oh, voi siete padron di casa mia.

BELT.

Servo suo, mia signora. (a Vittoria)

VITT.

Riverisco.

Cara mia Lucrezina,

State ben di salute?

LUCR.

Bene, e voi?

VITT.

Così e così. Signor Leandro, e lei?

LEAN.

Bene, a' vostri comandi.

VITT.

Mi rallegro.

Io ho il capo un poco storno.

BELT.

(E a me nessuno non abbada un corno).

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License