Carlo Goldoni
Il matrimonio per concorso

ATTO TERZO

SCENA QUINTA   Anselmo, poi Pandolfo e Lisetta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Anselmo, poi Pandolfo e Lisetta

 

ANS. Ho altro in testa io, che secondar questi pazzi. La figliuola sarà del carattere di suo padre.

PAND. Eccola, signor Anselmo. Ecco la mia figliuola.

ANS. La riverisco devotamente. (a Lisetta)

LIS. Serva sua. (ad Anselmo) È questi il signor Anselmo? (con ammirazione)

PAND. Sì, è desso.

LIS. Il signor Anselmo Aretusi? (con ammirazione)

PAND. Per l'appunto.

ANS. Perché fate le maraviglie, signora mia? (a Lisetta)

LIS. Perché ho l'onore di conoscere la vostra signora figliuola.

ANS. L'avete veduta? (a Lisetta)

LIS. Sì, l'ho veduta, e so ch'è innamorata del signor Filippo.

PAND. La figlia del signor Anselmo è l'innamorata del locandiere?

ANS. Come! mia figlia?

LIS. Sì signore, vostra figliuola fa all'amore a Filippo.

ANS. (Povero me! cosa sento? Ora capisco la tristezza, la melanconia dell'indegna).

PAND. (Ora intendo perché Lisetta ha abbandonato Filippo).

ANS. (Son fuor di me, non so qual risoluzione mi prenda).

PAND. E di più sappiate, che Filippo è di già maritato. (al Anselmo)

LIS. Non è maritato, ma si mariterà alla figliuola del signor Anselmo.

ANS. No, non sarà mai vero, la strozzerei piuttosto colle mie mani.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License