Carlo Goldoni
Il matrimonio per concorso

ATTO TERZO

SCENA SETTIMA   Doralice, madame Fontene, Pandolfo e Lisetta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Doralice, madame Fontene, Pandolfo e Lisetta

 

PAND. Sentite, signorina? E voi volevate fare lo stesso. (a Lisetta)

LIS. (Ho piacere. Filippo non sarà contento).

FONT. Ma cara signora Doralice, chi mai è questo amante di cui siete invaghita?

DOR. Oh dio! non so più di così. Mi parve il giovane il più saggio, il più onesto del mondo.

PAND. Vi dirò io chi è, s'ella non lo vuol dire. È Filippo, il padrone di questa locanda.

DOR. Come! non è vero niente. Quegli ch'io amo, quegli che mi ha promesso di amarmi, è il signor Roberto degli Albiccini.

PAND. Il signor Roberto? Quel giovane mercadante?

DOR. Sì appunto, si è spacciato meco per mercadante.

PAND. Non può esser vero. Il signor Roberto è innamorato di mia figliuola.

LIS. No, caro signor padre, ora siamo alle strette. Bisogna ch'io sveli la verità. Vi è dell'equivoco, vi è dell'imbroglio. Roberto non mi conosce, mi crede moglie di un altro. (Povera me! Filippo sarà innocente, io l'ho maltrattato da colonnello).

DOR. Ma che incantesimi sono mai questi? Che disordini! Che confusioni!

FONT. Andiamo, andiamo ad aspettar vostro padre. Si verrà in chiaro di tutto, si saprà tutto, vi è rimedio a tutto.

DOR. Ma se viene mio padre con monsieur la Rose? Se mi obbliga a doverlo sposare?

FONT. Se poi vostro padre vi obbliga, non saprei che farvi. Noi siamo nate per obbedire. (parte, ed entra in camera)

DOR. L'obbedienza è giusta, ma il sagrifizio del cuore è crudele. (entra in camera)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License