Carlo Goldoni
Il medico olandese

ATTO TERZO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Monsieur Guden e le suddette.

 

GUD.

Madame. (tutte s’alzano e gli fanno riverenza)

MAR.

Favorite. Come si sta, signore? (lo fa avanzare)

GUD.

Ah, non saprei che dirvi, sempre in angustie il core.

MAR.

Sedete qui con noi. Vedete? in casa mia

Vien tutta gioventù, non vi è melanconia.

GUD.

La gioventù è un gran bene; lo spirito è migliore.

Ma non può stare allegro, chi non ha quieto il core.

MAR.

Sempre col cuore in bocca; siete un grand’uom sincero.

GUD.

Voi scherzate, madama, ed io vi dico il vero.

MAR.

Amiche, lo risvegli un po’ del vostro brio.

ELI.

Signore, il vostro nome?

GUD.

Guden è il nome mio.

MAR.

Monsieur Guden, adesso so anch’io qual vi chiamate.

GUD.

Ch’io sono un vostro servo di già lo sapevate.

ELI.

Di Polonia, mi pare.

GUD.

Sì, madama.

ELI.

Lasciata

Avete per il Reno la Vistola gelata?

GUD.

Della Vistola il freddo alle mie fiamme è poco.

ELI.

Anche da noi vi è il gelo, anche da noi vi è il foco.

GIU.

Sol per trovar un medico venir sì da lontano?

GUD.

Qui sperai la salute, ma l’ho sperata invano.

FED.

Vicino a monsieur Bainer dovete esser contento.

GUD.

Sperai alle mie piaghe miglior medicamento.

MAR.

Ditemi, monsieur Guden, in questo quarto mio

Sariavi quel rimedio, che ha suggerito il zio?

GUD.

Sì, madama.

ELI.

Rimedio forse di nuova usanza,

Raccolto dalle mura d’intorno a questa stanza? (tutte dimostrano l’ironia giocosa)

MAR.

L’aria delle finestre.

FED.

Meglio è quella di fuori.

GIU.

Perché non va nel fiume a spegnere gli ardori?

GUD.

Si burlano a ragione di un povero ammalato.

ELI.

Poverino! si vede ch’è in un misero stato.

Pallido, smunto e secco.

FED.

Non ha più carne indosso.

GIU.

Il mal dev’esser grande, se l’ammalato è grosso.

GUD.

Mi beffano. Pazienza.

MAR.

Non le crediate offese.

Scherzar con dello spirito è il costume olandese:

Amiche, con licenza. Accostatevi a me. (a monsieur Guden)

(Quale vi piacerebbe, signor, di queste tre?)

GUD.

(Madama, compatite; meglio sarà ch’io taccia).

MAR.

(Possibil non vi sia qualcuna che vi piaccia?)

GUD.

(Vi è pur troppo).

MAR.

(Ma quale di quelle tre?)

GUD.

(Nessuna:

Finché non dite quattro, non ne ritrovo alcuna).

MAR.

Carolina.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License