Carlo Goldoni
Il mercato di Malmantile

ATTO PRIMO

SCENA SETTIMA   Brigida, poi Lampridio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Brigida, poi Lampridio

 

BRIG.

Il Conte mi vuoi bene,

È di me innamorato;

Ma vi vorrebbe un principe d'altezza

Per la bella beltà di mia bellezza.

Pure, se prestamente

Una sorte miglior non mi si appressa,

Mi basterà di diventar contessa.

LAM.

Figlia, così soletta?

BRIG.

Signor padre,

Favorisca mandare

Subito a comperare

Per un messo, pedone o cavalcante,

Una cuffia, un andriè e un guardinfante

LAM.

Ma perché questa cosa?

BRIG.

La figlia sua d'un cavaliere è sposa.

LAM.

Come! come! Narrate.

BRIG.     

Il signor Conte

Va di me stupefatto,

E mi vuole sua sposa in ipso fatto.

LAM.

Ti ringrazio, fortuna. Veramente

Si vede che tua madre,

Ch'era donna di nobili pensieri,

Ebbe grande amistà coi cavalieri.

BRIG.

Anch'io, se andrò in città,

Vuò praticare il fior di nobiltà.

LAM.

Appunto, ora è venuta

Una dama da noi, ch'io non conosco.

lo non sono avvezzato ai complimenti:

Vuò che tu la riceva in vece mia.

BRIG.

Venga, la tratterò con cortesia.

LAM.

Ehi, dite a quella dama (verso la scena)

Che, se vuole venir, venga di qua.

BRIG.

Bella cosa è, signor, la civiltà.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License