Carlo Goldoni
Il Moliere

ATTO SECONDO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Pirlone e la Béjart.

 

BÉJ.

Che inutili discorsi facea quella sguaiata?

PIRL.

Per suo, per vostro bene, sinor l’ho esaminata,

Ed ho scoperto cose, che a voi son forse ignote.

Signora, a vostra figlia preparate la dote.

BÉJ.

Che? Vuol ella marito?

PIRL.

Lo vuole, e l’ha trovato.

BÉJ.

Chi fia costui?

PIRL.

Moliere.

BÉJ.

Moliere! Ah scellerato!

PIRL.

Ma vi è di peggio.

BÉJ.

Io fremo.

PIRL.

Vuol stasera sposarla.

BÉJ.

Come!

PIRL.

A voi sul teatro medita d’involarla.

E dopo la commedia, che a lui per questo preme,

Li aspetta una carrozza, e fuggiranno insieme.

BÉJ.

Ah traditore!

PIRL.

A tempo io fui di ciò avvisato.

Ho corretto Isabella, e in parte ho rimediato

Però non vi consiglio condurla a recitare;

Egli potria sedurla, e farvela involare.

State con essa in casa, datele soggezione.

Vada Molier, se vuole, a far solo il buffone.

BÉJ.

Sì, sì, la mia figliuola e me per questa sera

Moliere sul teatro vedere invano spera.

Ringrazio il cielo e voi d’avermi illuminata

Ah, sono dall’indegno tradita, assassinata!

PIRL.

Vado, che se venisse Moliere, or si diria

Che quest’opera buona è mera ipocrisia.

S’ei sa ch’io sia venuto a discoprir l’arcano,

Quante udirete ingiurie scagliarmi il labbro insano!

E chiamo in testimonio di quel ch’io dico, il cielo:

Guidommi a questa casa la caritade, il zelo.

Sia di me, di mia fama, quello che vuol la sorte

Al prossimo giovando, incontrerei la morte. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License