Carlo Goldoni
Il Moliere

ATTO SECONDO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

La Béjart, Isabella  e Foresta.

 

BÉJ.

Venite, graziosina, voglio parlarvi un poco.

Di me, degli ordin miei voi vi prendete gioco?

Indegna, sfacciatella, sapete voi chi sono?

ISAB.

(Ah traditor!) Signora, a voi chiedo perdono. (s’inginocchia)

BÉJ.

Alzatevi.

ISAB.

Non m’alzo, finché vi vedo irata.

FOR.

(Sta a veder che Isabella ha fatto la frittata). (da sé)

BÉJ.

Alzatevi, vi dico.

ISAB.

Signora... (s’alza)

BÉJ.

Cuor briccone!

Io non so che mi tenga, che non ti dia un ceffone.

FOR.

Signora, ch’ha ella fatto?

BÉJ.

L’amor fa con Moliere.

FOR.

Questo delle fanciulle è il solito mestiere.

BÉJ.

Indegna! Era disposta di prenderlo in marito.

FOR.

È in età, poverina, da sentirne il prurito.

BÉJ.

Tu dunque, schioccherella, daresti a lei ragione?

FOR.

Patisco anch’io quel male... Zitto, viene il padrone.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License