Carlo Goldoni
Il Moliere

ATTO TERZO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Valerio, poi il conte Lasca.

 

VAL.

Il Conte è un ignorante, che abbonda di parole;

Non sa, non ha studiato, non gusta e non intende;

E criticar presume, e giudicar pretende.

CON.

Dov’è Molier?

VAL.

Fra poco qui tornerà, signore.

CON.

Convien, per aver posto, ricorrere all’autore.

Le logge son già date, l’udienza sarà piena.

Vorrei per questa sera un luogo sulla scena.

VAL.

Servir fia nostra gloria un cavalier gentile.

CON.

Sì, Valerio, voi siete un giovine civile;

Riuscite a perfezione nel comico mestiere,

E in capo non avete i grilli di Moliere.

VAL.

Fra noi v’è differenza: i’ son mediocre attore,

Moliere è un uomo dotto, è un eccellente autore.

CON.

Moliere un uomo dotto? Moliere autor perfetto?

Sproposito massiccio, Valerio, avete detto.

Caratteri forzati sol caricar procura;

Nell’opre di Moliere non v’è, non v’è natura.

VAL.

Egli ha il punto di vista. Riflettere conviene,

Che i piccioli ritratti in scena non fan bene.

CON.

Che diavol d’argomento villano e temerario!

Che titolo immodesto! Cornuto immaginario!

VAL.

Dovriano consolarsi i soli immaginari;

Ma i veri sono molti, e i finti sono rari.

CON.

La Scuola delle donne è affatto senza sale.

VAL.

È ver, non ha incontrato, ma non vi è poi gran male.

CON.

Può dir maggior schiocchezza, che dir torta di latte?

VAL.

Sta qui tutto il difetto?

CON.

Oibò: torta di latte!

VAL.

Non guasta una commedia un termine triviale.

CON.

Una torta di latte! Che sciocco! che animale!

VAL.

Signor, avete udita questa commedia intera?

CON.

Eh, che non son sì pazzo a perdere una sera.

Ascolto qualche pezzo, poi vado, poi ritorno,

Fo visite alle logge, giro l’udienza intorno,

Discorro cogli amici, un poco fo all’amore,

Non merta una commedia, che un uom taccia tre ore.

VAL.

E poi ne giudicate senza ascoltar parola?

CON.

A gente di buon naso basta una scena sola.

VAL.

La Scuola delle donne si sa perché non piacque;

Sentirsi criticare al bel sesso dispiacque.

Contro l’autor pungente le donne han mosso guerra.

Gettata dagli amanti fu la commedia a terra.

CON.

Vedrete in tempo breve Moliere andar fallito;

Val più di tutto lui di Scaramuccia un .

VAL.

Ah, sofferir non posso l’indegno paragone

Che fate d’un autore col ciurmator poltrone.

CON.

Don Garzia di Navarra poteva esser peggiore?

VAL.

La Scuola de’ mariti poteva esser migliore?

CON.

Si sa ch’ei l’ha rubata. Sono, se nol sapete,

Gli Adolfi di Terenzio.

VAL.

Gli Adelfi, dir volete.

CON.

Adolfi, e non Adelfi. Vodir come mi pare.

Un comico ignorante verrammi ad insegnare?

VAL.

Anch’io lessi Terenzio, e posso dar ragione

Dei titoli e dell’opre.

CON.

Oh via, siete un buffone.

VAL.

Signor, l’onesta gente così non si strapazza;

Fo il ridicolo in scena, ma voi lo fate in piazza.

CON.

Adoprerò il bastone.

VAL.

Vedrò, se tanto osate.

CON.

Audace!

VAL.

Voi lo siete.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License