Carlo Goldoni
Monsieur Petition

PARTE PRIMA

SCENA SECONDA   Lindora in zendado alla veneziana e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Lindora in zendado alla veneziana e detti.

 

 

LIND.

Oe, monsù Petiton despetitao,

Xe questa la maniera

De trattar so muggier?

 

 

PETR.

Che imbroi è quest?

 

 

PETIT.

Oh diable, cheschessà?

 

 

GRAZ.

Monsiù, chi è questa pazza

Che con tanta baldanza

È entrata in casa mia senza creanza?

 

 

PETIT.

Parien, parien, madam...

 

 

LIND.

Son so muggier.

Xe quattr’anni fenii che l’ho sposà,

E adesso sto baron m’ha abbandonà.

 

 

PETR.

A l’ò ditt, ch’alla cira

Qualche poco de bon al me pareva.

 

 

LIND.

Con vu, siora pettegola,

Vôi far le mie vendette:

Con vu, con vu, che con sta bella rasa

Savè tirarve i forestieri in casa.

 

 

GRAZ.

Parla meglio, se no...

 

 

LIND.

Cossa voressi dir?

 

 

PETR.

In casa mia?

 

 

LIND.

Sì, giusto in casa vostra.

No me la fe saltar, che squasi, squasi...

Via, cavève de qua, sior papa e tasi.

 

Vardè che bell’omo, (a Petronio)

Vardè che sioretta: (a Graziosa)

Oh che razza maledetta! (a monsieur Petiton)

Far l’amor col forestier. (a Graziosa)

Tegnir terzo alla muggier. (a Petronio)

E ti, furbazzo, (a monsieur Petiton)

Con tanto strapazzo

Lassarme? impiantarne?

Via furbazzi, cavève de qua.

Disè, patrona, cussì se tratta? (a Graziosa)

Disè, sior matto, cussì se fa? (a monsieur Petiton)

Za tutti d’accordo me la pagherà.

 

 

 

PETR.

Signora, avì rason; però ve zur,

Che de quel che disì, mi son a scur.

Sto sior infranzesà

È vignù a desturbarm.

A pregh al cil, dza che l’è frances,

Ch’ al crepa con el mal del so pajes.

 

 

LIND.

E vu, cossa diseu?

 

 

GRAZ.

Dico ch’io sono

Gentildonna onorata, e in casa mia

Puol venir chi si sia.

Io non chiamo nessun, nessun ricuso;

Della moda civil già questo è l’uso.

 

 

PETIT.

Dice bene madama.

 

 

PETR.

Anzi malissimo.

 

 

LIND.

Andemo via de qua, ch’ el sior clarissimo

Za xe stuffo de vu.

 

 

PETIT.

Vu me trompè; est il pa vrè, monsieur?

 

 

PETR.

Orsù, patron, la vada via de qua,

Che col so chiachiarar la m’à stuffà.

 

 

LIND.

Voleu fenirla, e vegnir via, disè?

 

 

GRAZ.

Monsiù, vostra servan. (a monsieur Petiton)

 

 

PETIT.

Votre vallè. (a Graziosa)

 

 

PETR.

Eh, finila l’istoria.

 

 

LIND.

Vegni via, se volè.

 

 

GRAZ.

Monsiù, vostra servan. (a Petiton)

 

 

PETIT.

Votre vallè. (a Graziosa)

 

 

PETR.

} a due

Che pazienza me tocca portar!

Oh che bile me tocca provar!

Prego al ciel de durarla cussì.

 

LIND.

 

GRAZ.

Monsù, s’arecordi

Lasciarsi servir.

 

 

PETIT.

Madam, quanto prima

Je tornerè incì.

 

 

PETR.

} a due

Signor no, signor no.

 

LIND.

 

GRAZ.

} a due

Signor sì, signor sì.

 

PETIT.

 

LIND.

Se ti torni più in sta casa,

Vôi mazzarte,

Sbudellarte. (a monsieur Petiton)

 

 

PETIT.

Madam, de bon cour. (a Graziosa)

 

 

PETR.

Se ti parli più con lu,

Vôi coparte, (a Graziosa)

Vôi squartarte.

 

 

GRAZ.

Obbligata dell’onor. (a monsieur Petiton)

 

 

LIND.

No ti me ascolti!

 

 

PETIT.

Dit a muè?

 

 

PETR.

No ti te volti!

 

 

GRAZ.

Che cosa c’è?

 

 

LIND.

Se più ti ghe parli,

Se più ti la vardi,

Vôi farte cussì...

 

 

PETIT.

Nanì, madam, nanì.

 

 

PETR.

Se più ti l’ascolti,

Se più til ricevi,

Cospetto de mi...

 

 

GRAZ.

La voglio così.

 

 

PETR.

Strega.

 

 

PETIT.

Gnoca.

 

 

LIND.

Birba.

 

 

GRAZ.

Stolto.

 

 

LIND.

Ti me stuffi.

 

 

GRAZ.

Non t’ascolto

 

 

 

TUTTI

 

 

La voglio

La voggio

}

cussì.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License